Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 23 MAGGIO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Tumori solidi. Da nuovo studio potenziale strategia per migliorare la terapia Car-T


Colpendo due regolatori genici dell’infiammazione, le cellule T ingegnerizzate si espandono e durano più a lungo all’interno del tumore solido, aumentando la possibilità che possano avere lo stesso effetto terapeutico che hanno nei tumori del sangue. È il concetto su cui si basa un nuovo approccio contro i tumori solidi, in studio in fase preclinica, messo a punto da ricercatori dell’Università della Pennsylvania.

17 MAR - Colpire due regolatori che controllano le funzioni dei geni correlate all’infiammazione porta a decuplicare l’espansione delle cellule T, con un aumento dell’attività immunitaria anti-tumorale e della loro persistenza nel sito tumorale. È il concetto su cui si basa un nuovo approccio contro i tumori solidi, in studio in fase preclinica, messo a punto da ricercatori dell’Università della Pennsylvania. La metodologia è stata descritta su Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS).

Dall’autorizzazione del primo trattamento a base di cellule CAR-T, i trattamenti cellulari personalizzati hanno rivoluzionato la terapia dei tumori del sangue, ma restano inefficaci contro i tumori solidi. Uno degli ostacoli in questa applicazione è il fenomeno noto come ‘esaurimento’ delle cellule T, in cui la persistente esposizione all’antigene porta a far perdere, alle cellule immunitarie, la possibilità di rispondere al tumore.

Lo studio
Attraverso la tecnica CRISPR-Cas9, il team di ricerca è andato a inibire i geni regolatori dell’infiammazione Regnase-1 e Roquin-1, individualmente o insieme, in cellule T da donatori sani, con due diversi recettori immunitari attualmente in fase I di studio clinico: il mesothelin-targeting M5 CAR (mesoCAR) e il NY-ESO-1-targeting 8F TCR (NYESO TCR). Dopo l’editing, le cellule sono state espanse e infuse in modelli animali di tumori solidi, in cui i ricercatori hanno osservato che la doppia inibizione ha aumentato di almeno dieci volte la quantità di cellule T ingegnerizzate, e hanno evidenziato un’aumentata attività antitumorale e una maggiore durata delle cellule T ingegnerizzate.

Fonte: Proceedings of the National Academy of Sciences 2023

17 marzo 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy