Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 19 APRILE 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Nuovo antiaggregante alla prova


Sarà testato su 21 mila pazienti ticagrelor, il primo di una nuova classe di antiaggreganti piastrinici, per verificare la sua efficacia nel prevenire un ulteriore evento cardiovascolare in pazienti con sindrome coronarica acuta.

18 GEN - AstraZeneca ha annunciato l’avvio dello studio PEGASUS-TIMI 54, un trial clinico internazionale realizzato in collaborazione con il gruppo di studio Thrombolysis in Myocardial Infarction del Brigham and Women’s Hospital di Boston che valuterà l’efficacia e la sicurezza a lungo termine dell’antiaggregante orale ticagrelor.
Le attuali linee guida per il trattamento dei pazienti con sindrome coronarica acuta raccomandano la doppia terapia antiaggregante per un periodo fino a dodici mesi post-evento, seguita da un prolungamento del trattamento con la sola aspirina.
Lo studio PEGASUS-TIMI 54 è volto a determinare se, in pazienti che hanno subito un attacco cardiaco da uno a tre anni prima dell’arruolamento, il trattamento con ticagrelor e aspirina sia in grado di ridurre ulteriormente il rischio di successivi eventi cardiovascolari rispetto alla sola monoterapia con aspirina.
“Dopo un attacco cardiaco, nei pazienti permane un alto rischio di recidiva o di altro evento avverso cardiovascolare di grave entità”, ha spiegato Marc Sabatine, sperimentatore principale dello studio PEGASUS-TIMI 54. “Lo studio PEGASUS-TIMI 54 esaminerà il proseguimento del trattamento oltre i dodici mesi dopo l’attacco cardiaco, mediante la doppia terapia antiaggregante con ticagrelor e aspirina. Siamo entusiasti di poter affrontare questa importante questione scientifica”.
Lo studio PEGASUS-TIMI 54 è uno studio internazionale, multicentrico, randomizzato, eseguito a gruppi paralleli, a tre bracci e in doppio cieco, condotto su circa 21 mila pazienti in oltre trenta Paesi. Lo studio avrà un periodo di trattamento minimo di dodici mesi. I pazienti saranno randomizzati a ricevere ticagrelor 60 mg o 90 mg due volte al giorno, oppure placebo. In aggiunta a ticagrelor o al placebo, ai pazienti verrà contemporaneamente somministrata una terapia con aspirina una volta al giorno . L'endpoint primario di efficacia dello studio PEGASUS-TIMI 54 sarà rappresentato dal primo verificarsi di un qualsiasi evento cardiovascolare, fatale o non fatale, inclusi l’infarto miocardico o l’ictus.
“È un orgoglio per AstraZeneca annunciare l’inizio dello Studio Pegasus un trial internazionale che ci permetterà di approfondire la nostra conoscenza di ticagrelor e del suo impatto a lungo termine nei pazienti post sindrome coronarica acuta”, ha affermato Raffaele Sabia, vice president direttore medico di AstraZeneca Italia . “Ticagrelor è il primo di una nuova classe di antiaggreganti piastrinici, e l’unico a oggi ad aver dimostrato, rispetto alla migliore terapia attualmente disponibile, di ridurre significativamente sia la morbi-mortalità per cause vascolari, sia la mortalità per tutte le cause nell’intero spettro di pazienti con sindrome coronarica acuta”. 

18 gennaio 2011
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy