Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 13 GIUGNO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Apnea centrale nel sonno raddoppierebbe rischio di fibrillazione atriale


Chi soffre di questa condizione sarebbe più a rischio di sviluppare fibrillazione atriale, dunque sarebbero da monitorare i pazienti a rischio.

12 LUG - (Reuters Health) - L'apnea centrale nel sonno (CSA) potrebbe raddoppiare o triplicare il rischio di fibrillazione atriale. È quanto sostiene un gruppo di ricercatori coordinati da Susine Redline, del Brigham and Women's Hospital di Boston, in uno studio pubblicato sul Journal of the American Heart Association.

Studi precedenti avevano dimostrato un'alta prevalenza della fibrillazione atriale nei pazienti che soffrono di apnea ostruttiva del sonno (OSA). Inoltre, la CSA sarebbe collegata alla fibrillazione nei pazienti con insufficienza cardiaca, ma lo stesso collegamento non è chiaro nella popolazioni generale.

Lo studio
Redline e colleghi hanno preso in considerazione quasi tremila adulti con età media di 63 anni. Di questi, circa la metà soffriva di una lieve ostruzione notturna e circa un quinto aveva un forma da moderata a grave, con un indice di apnea-ipopnea di 15 o superiore. Il 2,5% dei partecipanti soffriva di CSA, il 3% aveva la respirazione di Cheyne-Stokes e il 4,6% aveva CSA o respirazione di Cheyne-Stokes. Durante il follow-up medio di 5,3 anni, a 338 persone è stata diagnosticata fibrillazione atriale dopo una media di 1.817 giorni dall'inizio dello studio. I pazienti che avevano fibrillazione erano i più anziani, avevano una maggiore probabilità di soffrire di pressione alta e/o diabete, assumevano medicinali per il cuore e avevano una precedente storia di malattie cardiache, insufficienza cardiaca o ictus, rispetto ai pazienti che non avevano sviluppato fibrillazione atriale.

E la CSA avrebbe consentito di predire la fibrillazione in tutti i modelli, secondo quanto riferito dagli autori. “Le persone con CSA avevano una probabilità da due a tre volte maggiore di soffrire di fibrillazione atriale", afferma Redline. In particolare, i rapporti sarebbero stati di 3,0 con la CSA, 1,83 con la respirazione Cheyne-Stokes e 2,0 con CSA o respirazione Cheyne-Stokes. Di contro, non ci sarebbe associazione con le apnee ostruttive. “Chi soffre di CSA potrebbe avere problemi cardiaci precedenti o potrebbe essere più sensibile ai cambiamenti dei livelli di anidride carbonica - spiega Redline - Ora bisogna indagare se il trattamento della CSA possa ridurre il rischio di sviluppare fibrillazione”.

Fonte: Journal of the American Heart Association

Reuters Staff

12 luglio 2017
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy