Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 19 MAGGIO 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Dopo i 50 anni, più “longevi” con l’ipotiroidismo che con l’ipertiroidismo

di Anne Harding

L’ipotiroidismo, dopo i 50 anni, sarebbe associato a un allungamento della vita media rispetto a alla condizione di ipertiroidismo. È quanto emerge da una nuova analisi dei dati raccolti nell’ambito del Rotterdam Study. I risultati della ricerca sono stati pubblicato da JAMA Internal Medicine

19 SET - (Reuters Health) – I ricercatori dell’Erasmus Medical Center di Rotterdam, coordinati da Arjola Bano, hanno esaminato i dati raccolti su 7.785 uomini e donne, seguiti per un periodo medio di otto anni. In questo intervallo di tempo si sono verificati 789 episodi di malattie cardiovascolari e 1.357 morti. Gli uomini e le donne nel terzile superiore per quel che riguardava i livelli di tirotropina  hanno vissuto, rispettivamente, 2 e 2,4 anni in più. Inoltre hanno vissuto 1,5 e 0,9 anni in più senza soffrire di malattie cardiovascolari. Viceversa, gli uomini e le donne con il terzile più alto di tiroxina libera (FT4) hanno vissuto, rispettivamente, 3,2 e 3,5 anni in meno di quelli del terzile inferiore, mentre l’aspettativa di vita senza malattie cardiovascolari era di 3,1 e 2,5 anni più breve.

“A 50 anni le persone con ipotiroidismo vivono fino a 3,5 anni di più di coloro che soffrono di ipertirpoidismo. Inoltre, le persone con ipotiroidismo vivono più a lungo senza malattie cardiovascolari rispetto a quelli con ipertiroidismo”, ha sintetizzato Arjola Bano.

L’iperattività della tiroide è dannosa ed è associata ad un aumento di frequenza cardiaca, contrattilità del miocardio e ipercoagulabilità, tutte condizioni correlate alle malattie cardiovascolari e alla mortalità. Inoltre, gli elevati livelli di ormoni tiroidei possono anche aumentare la produzione di specie reattive dell’ossigeno e “possono influenzare l’attività cognitiva, la conduzione nervosa, la densità minerale ossea, contribuendo così ad aumentare il rischio di demenza, osteoporosi e morte”, scrivono gli autori.

Lo studio Rotterdam aveva in precedenza dimostrato che l’ipotiroidismo era associato con un aumento del rischio di diabete o di steatosi epatica non alcoolica, mentre l’ipertiroidismo sarebbe associato a un aumento del rischio di fibrillazione atriale o demenza, ha spiegato Bano, sottolineando che “sarebbe interessante studiare gli effetti dell’ipo e dell’ipertiroidismo in altri gruppi etnici rispetto ai bianchi, presi in considerazione per questo studio”.

Fonte: JAMA Internal Medicine

Anne Harding

(Versione italiana Qjuotidiano Sanità/Popular Science)

19 settembre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy