Quotidiano on line
di informazione sanitaria
16 GIUGNO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Coronavirus e diabete. Le associazioni dei pazienti: “Evitare spostamenti non indispensabili”


Così Diabete Italia e Fand in accordo con le Società Scientifiche di riferimento. Le Associazioni hanno anche ricordato di seguire le 5 regole dei giorni di malattia e contattare il proprio servizio di diabetologia per ridurre gli accessi in ambulatorio, sfruttando i mezzi di comunicazione telematici per l’aggiornamento dei piani terapeutici.

10 MAR - “I pazienti con diabete devono stare in casa e adottare tutte le misure che le autorità competenti stanno sollecitando ai cittadini per contenere la diffusione del contagio. Nel caso delle persone con diabete tali misure sono quanto mai necessarie per ridurre inutili rischi a cui esporrebbero in primis se stessi”.
È questo l’invito forte che arriva dalle Associazioni delle persone con diabete, che hanno voluto così rafforzare le indicazioni delle Società Scientifiche.
 
“Si raccomanda la massima cautela e di attenersi alle restrizioni in vigore: non bisogna uscire di casa, se non strettamente necessario. Tutte le persone con diabete, a causa della loro maggiore vulnerabilità alle complicanze del virus, devono essere ancora più attente nell’osservare le regole volte a limitare il contagio” hanno affermato in modo congiunto i Presidenti di Diabete Italia e Fand.

“Ricordiamo, inoltre, ai pazienti – afferma Concetta Suraci, Presidente Diabete Italia – che per tutelarsi in questo momento così critico, è necessario seguire le 5 regole dei giorni di malattia, ossia quelle che una persona con diabete dovrebbe rispettare quando affronta qualsiasi altra patologia in aggiunta al diabete: mantenersi idratati, monitorare ancora più scrupolosamente il glucosio nel sangue, misurare regolarmente la febbre, tenere sotto controllo anche i chetoni, in caso di terapia a base di insulina, e seguire in modo puntuale le indicazioni che si ricevono dal proprio team di cura”.
 
Infine, è necessario che le persone con diabete non interrompano la cura con i farmaci prescritti. Al riguardo le Società Scientifiche hanno chiesto al Direttore Generale dell’Aifa di prorogare la validità dei Piani terapeutici per i farmaci destinati alla terapia del diabete, fino alla risoluzione della attuale situazione di emergenza.
 
“Speriamo – continua Suraci – che ci sia una risposta positiva. Nell’attesa suggeriamo ai pazienti di contattare il proprio servizio di diabetologia, per concordare come ridurre, se possibile, i controlli ambulatoriali. Cerchiamo di sfruttare i mezzi di comunicazione digitali per adempiere alle diverse necessità burocratiche e per l’aggiornamento dei piani terapeutici di farmaci e presidi”.
 
 
“#iorestoacasa. Siamo fiduciosi che quanto prima riusciremo a superare questo momento difficile”, concludono Diabete Italia e Fand.
 

10 marzo 2020
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy