Quotidiano on line
di informazione sanitaria
16 GIUGNO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Carcinoma prostatico. Risonanza magnetica e biopsia mirata utili nella diagnosi


In uno studio condotto dal Sunnybrook Health Sciences Centre di Toronto è emersa la non inferiorità della risonanza magnetica con biopsia mirata rispetto alla biopsia prostatica a 12 core transrettale ecoguidata (TRUS) nella diagnosi di carcinoma prostatico. “La MRI e le biopsie mirate offrono ai pazienti una procedura meno invasiva e possono aiutare a scongiurare il trattamento eccessivo del carcinoma prostatico clinicamente non significativo,”, dice Laurence Klotz, autore principale dello studio

11 FEB - (Reuters Health) – La risonanza magnetica (MRI) con biopsia mirata (TB) non è inferiore alla biopsia prostatica a 12 core transrettale ecoguidata (TRUS) per la diagnosi di carcinoma prostatico e potrebbe avere diversi vantaggi. È quanto emerge dai risultati di uno studio randomizzato condotto presso il Sunnybrook Health Sciences Centre di Toronto.

“Questi risultati mostrano con forza che MRI e biopsie mirate offrono ai pazienti una procedura meno invasiva, la possibilità di evitare una biopsia di tutto l’insieme e possono aiutare a scongiurare il trattamento eccessivo del carcinoma prostatico clinicamente non significativo,”, dice Laurence Klotz, autore principale dello studio.

Lo studio. Il team di ricerca ha randomizzato 453 pazienti a sottoporsi a biopsia TRUS o MIR-TB. I risultati sono stati valutabili per 421 pazienti.
Una lesione con un punteggio pari o superiore a 3 sul Prostate Imaging Reporting and Data System versione 2 è stata rilevata nel 62,4% del gruppo sottoposto a MRI e 87 di questi uomini (37%) hanno avuto un risultato negativo della risonanza e hanno evitato la biopsia.

Tumori con gruppo di grado (GG) pari o superiore a 2 in base alla classificazione dell’International Society of Urological Pathology sono stati diagnosticati nel 30% degli uomini sottoposti a biopsia TRUS versus il 35% di quelli assegnati a MRI-TB.

“La MRI con biopsia mirata ha rilevato il 5% in più di carcinomi prostatici clinicamente significativi rispetto ai soggetti che hanno ricevuto biopsie TRUS-TB sistematiche, dimostrando definitivamente che il metodo soddisfa le prestazioni dell’attuale standard of care”, aggiunge Klotz. “Più di un terzo dei pazienti nel braccio della MRI hanno evitato biopsie complessive in seguito a risultati negativi dell’esame di imaging. Questi soggetti hanno ricevuto una MRI di follow-up nell’arco di due anni”.

“L’uso della MRI ha ridotto la diagnosi non necessaria di carcinomi prostatici a crescita lenta e clinicamente non significativi del 55% (dal 22% al 10%)”, conclude Klotz.

Fonte: Jama Oncology

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science) 

11 febbraio 2021
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy