Quotidiano on line
di informazione sanitaria
04 DICEMBRE 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Spesa sanitaria pubblica 2020. Nella UE ha inciso per l’8% del Pil. Italia si allinea alla media europea


Con un balzo dal 6,8 al 7,9% di incidenza sul Pil, il nostro Paese sfiora la media europea che nel 2020 ha fatto registrare un incremento medio dell’1% soprattutto per le maggiori spese legate al Covid. Il rapporto più alto tra spesa sanitaria e PIL in Repubblica Ceca, Austria e Francia. Lettonia (4,8% del PIL), Polonia e Irlanda (entrambe 5,4% del PIL) hanno registrato i rapporti più bassi.

16 MAR - Nel 2020, la "salute" è si è confermata la seconda funzione della spesa delle amministrazioni pubbliche nell'UE , dopo la "protezione sociale". Lo rileva Eurostat.
 
La spesa pubblica per la "salute" è aumentata di 1 punto percentuale rispetto al 2019 (8,0% del PIL nel 2020 rispetto al 7,0% del PIL nel 2019).
 

 
L'aumento è dovuto sia a una diminuzione del PIL nominale sia a un aumento della spesa pubblica per la sanità (1.073 miliardi di Euro nel 2020 rispetto a 978 miliardi di Euro nel 2019), principalmente legati alla spesa per contrastare la pandemia di COVID-19.
 
Le categorie più significative della spesa sanitaria sono state "servizi ospedalieri" (3,4% del PIL), "servizi ambulatoriali" (2,5% del PIL) e "prodotti, apparecchi e attrezzature mediche" (1,2% del PIL).
 
Rapporto più alto tra spesa sanitaria e PIL in Repubblica Ceca, Austria, Francia. Nel 2020, Repubblica Ceca e Austria (entrambe 9,2%) e Francia (9,0%) hanno registrato i rapporti più elevati tra la spesa pubblica dedicata alla salute e il PIL tra gli Stati membri dell'UE. Nel frattempo, Lettonia (4,8% del PIL), Polonia e Irlanda (entrambe 5,4% del PIL) hanno registrato i rapporti più bassi.
 
Lo Stato membro dell'UE che ha registrato il maggiore aumento del rapporto tra spesa pubblica dedicata alla salute e PIL è stato Cipro (5,9% nel 2020 rispetto al 3,5% nel 2019), seguito da Malta (7,2% del PIL nel 2020 rispetto al 5,2% del PIL nel 2019) e Ungheria (6,4% del PIL nel 2020 rispetto al 4,5% del PIL nel 2019).
 
I dati Italiani. Il nostro Paese è passato dal 6,8% del Pil nel 2019 al 7,9 del 2020, collocandosi quindi quasi in linea con la media UE (8%) ma facendo registrare un incremento leggermente superiore (+1,1% contro l’1% medio europeo).
 
Spesa sanitaria pubblica in percentuale sul PIL (Anni 2019 e 2020)


16 marzo 2022
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Grafico
spacer Tabella

Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy