Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 09 FEBBRAIO 2023
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Influenza e sindromi simil influenzali. Incidenza in calo: da ottobre colpite 8 mln di persone


L’incidenza delle ILI è in diminuzione in tutte le fasce di età e si attesta a 9,6 casi per mille assistiti (10,6 nella settimana precedente). Risultano comunque più colpiti i bambini al di sotto dei cinque anni di età in cui l’incidenza è pari a 20,7 casi per mille assistiti (25,1 nella settimana precedente). REPORT EPIDEMIOLOGICOREPORT VIROLOGICO

22 GEN -

Nella 2° settimana del 2023 l’incidenza delle sindromi simil-influenzali (ILI) in Italia è ancora in calo e pari a 9,6 casi per mille assistiti (10,6 nella settimana precedente).

L’incidenza delle ILI è in diminuzione in tutte le fasce di età. Risultano comunque più colpiti i bambini al di sotto dei cinque anni di età in cui l’incidenza è pari a 20,7 casi per mille assistiti (25,1 nella settimana precedente). Nella fascia di età 5-14 anni l’incidenza è pari a 9,57 nella fascia 15-64 anni a 9,79 e tra gli individui di età pari o superiore a 65 anni a 6,14 casi per mille assistiti.

Nella seconda settimana del 2023, come mostrato in tabella, i casi stimati di sindrome similinfluenzale, rapportati all’intera popolazione italiana, sono circa 569.000, per un totale di circa 8.077.000 casi a partire dall’inizio della sorveglianza.

Il numero di sindromi simil-influenzali è sostenuto, oltre che dai virus influenzali, anche da altri virus respiratori tra i quali il virus respiratorio sinciziale, nei bambini molto piccoli, e il SARS-CoV-2.

Solo in Regione Abruzzo l’incidenza si colloca ancora nella fascia di massima intensità. La Calabria non ha attivato la sorveglianza InfluNet.

Durante la nona settimana di sorveglianza virologica per la stagione 2022/2023, la circolazione dei virus influenzali sul territorio nazionale è in progressiva diminuzione, con un ulteriore calo nella proporzione dei campioni risultati positivi per influenza (10,7%), rispetto alla settimana precedente (17,6%).

Nel complesso, dall’inizio della stagione, sono stati identificati 4.165 virus influenzali di tipo A e 65 di tipo B. Nell’ambito dei virus A, il sottotipo H3N2 è ancora prevalente.



22 gennaio 2023
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy