Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 28 MAGGIO 2024
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Cosmetica. La farmacia segna il +2% di vendite nel primo semestre


Le previsioni di chiusura del secondo semestre indicano un +1,5%. Il valore del mercato alla fine dell’anno tocca i 1.800 milioni di euro, “a conferma della fiducia dei consumatori verso i livelli di specializzazione e la cura dei servizi accessori che la farmacia garantisce”. I dati dal Centro Studi Cosmetica Italia.

11 LUG - Si apre all’insegna di un timido risveglio di alcuni indicatori il 2014 fotografato dalla consueta Indagine congiunturale proposta dal Centro Studi di Cosmetica Italia che analizza l’andamento del primo semestre 2014 e le previsioni per il secondo semestre 2014. Ancora una volta la componente estera della domanda consente la crescita dei fatturati: seppur a ritmi meno evidenti, le esportazioni segnano nel 2014 una proiezione del +7%, per un valore vicino ai 3.400 milioni di euro. Grazie a questo trend positivo il fatturato globale del settore, vale a dire il valore della produzione, supererà i 9.400 milioni di euro con una crescita di quasi due punti percentuali. Proiettando le indicazioni e il sentiment delle imprese associate, a fine anno il valore del mercato sarà vicino ai 9.500 milioni di euro già registrati nel 2013, con una lieve contrazione registrata nuovamente sui valori e non sulle quantità.

La previsione generale è condizionata dalla sofferenza dei canali professionali: le frequentazione media sensibilmente ridotta dei saloni di acconciatura incide sulla distribuzione di prodotti professionali proponendo un primo semestre 2014 in calo del 4% con analogo andamento per la fine dell’anno. Anche i centri estetici soffrono per la flessione nel numero di servizi e trattamenti, registrando una contrazione del 3,8% nel primo semestre 2014, e un calo di tre punti percentuali nella seconda parte dell’anno, portando il valore del mercato a poco meno di 420 milioni di euro.

Vengono rilevati timidi segnali di rallentamento delle perdite per il canale profumeria con un primo semestre 2014 in calo del 3%, seguito da una previsione in flessione per il secondo semestre del 2,5%. Per effetto di un primo semestre 2014 in lieve calo, -1,8%, e di un secondo semestre praticamente stabile, -0,6%, il valore dei cosmetici venduti nella grande distribuzione sarà prossimo ai 4.000 milioni di euro, confermandosi il più importante canale di vendita per il cosmetico.

Per la farmacia “è in corso – secondo il Centro Studi di Cosmetica Italia - una razionalizzazione della domanda verso il canale”. Infatti, per il primo semestre 2014 si presenta una crescita del 2% e le previsioni di chiusura del secondo semestre indicano un +1,5%. Il valore del mercato alla fine dell’anno tocca i 1.800 milioni di euro, “insidiando – spiega il Centro Studi - la seconda posizione che la profumeria detiene da oltre 50 anni di storia dei canali della cosmetica”. Per Cosmetica Italia, “in un momento di differenziazione degli acquisti e delle mutate esigenze che i consumatori rivolgono a ogni punto vendita, la fiducia che gli stessi riconoscono al canale farmacia, ai suoi livelli di specializzazione ed alla cura dei servizi accessori, spiegano la tenuta in positivo del canale. Il cosmetico in farmacia ha, infatti, acquisito un ruolo sempre più fondamentale, collocandosi spesso come elemento commerciale di attenuazione delle contrazioni della domanda. Questo spiega anche il fenomeno che più di altri è stato evidenziato dagli intervistati: il nuovo impatto delle promozioni e delle offerte. È un fenomeno che completa ulteriormente la forza della filiera, a conferma della validità del contatto costante tra industria e distribuzione: entrambi investono sinergicamente sull’identità della farmacia e sulla caratterizzazione dei suoi clienti”. Insomma, i dati confermano “la fiducia dei consumatori verso i livelli di specializzazione e la cura dei servizi accessori che la farmacia garantisce”.

Il canale erboristeria indica invece un rallentamento nelle dinamiche di crescita con un primo semestre 2014 a +1,8% seguito dal +2% delle previsioni di fine anno con un valore di mercato oltre i 410 milioni di euro.

A monte della filiera produttiva e trasversalmente rispetto agli altri canali, “sono di buon auspicio – secondo il Centro Studi - le indicazioni che i contoterzisti segnalano per il primo semestre 2014, +2,5%, e le previsioni per il secondo semestre, +3,5%”.

Le vendite dirette, che coprono oltre il 5% dei consumi cosmetici, anche nel 2014 esprimono trend superiori agli altri canali: la crescita è sopra il 2% nel primo semestre mentre per il secondo si attende una ulteriore crescita di tre punti, con un volume di vendita che supera i 500 milioni di euro.

“Pur in presenza di molte incertezze esogene – commenta Fabio Rossello, Presidente di Cosmetica Italia – il settore cosmetico italiano conferma la sua natura anelastica rispetto ai trend negativi, anzi ne incorpora le criticità e reagisce con competitività: lo testimoniano il costante ricorso all’investimento in innovazione e ricerca e l’ampliamento della capacità produttiva, a conferma della maturità imprenditoriale del settore”.
 

11 luglio 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy