Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 05 OTTOBRE 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Covid. Anche oggi ‘salta’ la conferenza stampa di Arcuri. E la sua posizione resta in bilico

di Giovanni Rodriquez

Salta per la terza settimana consecutiva la conferenza stampa del commissario all'emergenza. Pesa anche la mancata presenza di Arcuri nel vertice di martedì scorso a Palazzo Chigi tra Governo e Cts in vista del prossimo Dpcm. Sullo sfondo, Draghi continua a tacere. Ma intanto Lega e Forza Italia, tenutesi fuori dalla 'partita' sui sottosegretari al Ministero della Salute, alzano il pressing sul premier per chiedere la sostituzione di Arcuri con un nome di loro gradimento.

25 FEB - Per la terza settimana consecutiva salta la consueta conferenza stampa del giovedì del commissario all'emergenza Covid Domenico Arcuri. La prima assenza fu motivata per motivi di "garbo istituzionale", dal momento che il nuovo Governo Draghi era in procinto di giurare. Sulle due settimane successive, invece, tutto è scivolato via in un 'assordante' silenzio.
 
Ma non solo conferenze stampa, anche nel vertice di Palazzo Chigi tra Governo e Cts di martedì sera in vista del prossimo Dpcm si è fatta notare l'assenza del commissario. Che la sua posizione fosse in bilico del resto era evidente da tempo. Ma ora iniziano a sommarsi diversi campanelli d'allarme sul possibile mantenimento della sua attuale posizione. In primis, e reiteratamente., è il leader della Lega Matteo Salvini a chiedere la sua 'testa' come segnale di forte discontinuità rispetto al precedente Governo Conte. 
 
Oltre alla Lega, ieri anche Forza Italia presentando il suo Piano vaccini 'alternativo', ha chiesto la sostituzione dell'attuale commissario con Guido Bertolaso. C'è poi da cogliere il segnale arrivato ieri con la nomina dei nuovi sottosegretari. Al Ministero della Salute, oltre alla conferma per Pier Paolo Sileri, c'è stata la sostituzione della dem Sandra Zampa con l'esponente di Liguria Popolare-Nci Andrea Costa. Questo perché, negli ultimi giorni, sia Lega che FI avevano dato indicazione di non voler metter nessuno di loro in quel dicastero. Un sottosegretario non avrebbe garantito quella necessaria incisività che avrebbe permesso una 'svolta' nella gestione della campagna vaccinale. 
 
Il vero obiettivo di Lega e FI è infatti un altro: farsi da parte sulla partita sottosegretari per poi andare a 'dama' chiedendo a Draghi la sostituzione di Arcuri con un nome di loro gradimento. Questo è il braccio di ferro in corso da giorni, tra i lunghi silenzi del premier e del commissario, tornato solo oggi a farsi vivo per mezzo del suo ufficio stampa con una nota molto stringata rispetto a quelle cui ci eravamo abituati: "La campagna di vaccinazione contro l'epidemia Covid sta registrando un confortante incremento; da lunedì 22 febbraio sono state effettuate in media oltre 100 mila somministrazioni al giorno e ieri, mercoledì 24 febbraio, è stato raggiunto il picco di 102.433 dosi".
 
Tutto qui, un po' poco rispetto a quanto sta accadendo nel Paese attorno alla campagna vaccini che non si può certo dire (ma la colpa sarebbe ingiusto addossarla solo ad Arcuri) stia marciando come sperato.
 
Giovanni Rodriquez

25 febbraio 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy