Quotidiano on line
di informazione sanitaria
19 MAGGIO 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Decreto appropriatezza. Torluccio (Uil Fpl): “Le disposizioni contenute nel dl Enti locali hanno mostrato la loro natura di tagli”

Così in una nota il Segretario Generale della Uil Fpl. "Invece di intervenire a monte sulle cause della medicina difensiva - a partire dalla disciplina della responsabilità - si interviene a valle mettendo il medico tra due fuochi, le possibili sanzioni pecuniarie per eccesso di prescrizione e le possibili azioni giudiziarie per supposti danni derivanti da difetto di prescrizione". 

25 SET - "Le bugie, si sa, hanno le gambe corte e alla prova del primo provvedimento attuativo le disposizioni sulla sanità contenute nel cosiddetto dl Enti locali hanno mostrato inevitabilmente la loro natura di tagli, sbagliati e insostenibili in un settore il cui finanziamento è ormai prossimo a scendere sotto i livelli di guardia". Lo dichiara in una nota il Segretario Generale della Uil Fpl Giovanni Torluccio.
 
"Invece di prenderne atto e cercare soluzioni che non ricadano pericolosamente sulla possibilità di accesso alle prestazioni, specialmente per le fasce più deboli, l’unica preoccupazione di Governo e Regione sembra essere quella di lavarsi le mani dalla responsabilità delle scelte effettuate. Insomma - rosegue Torluccio - riprende l’avvilente scaricabarile che ha caratterizzato questa vicenda fin dall’inizio, riflettendosi nei provvedimenti adottati sin d’ora i quali dovrebbero dare attuazione al taglio dei 2,352 miliardi di euro. Il governo ha tagliato i trasferimenti alle regioni, le regioni hanno tagliato le risorse della sanità e ridurranno i trasferimenti alle Asl, le Asl taglieranno le retribuzioni di risultato dei medici, i medici, forse, ridurranno le prescrizioni, a danno della deontologia e dell’autonomia professionale, col rischio di essere chiamati in giudizio da pazienti che si riterranno danneggiati da questa eventuale scelta, i cittadini dovranno pagarsi di tasca propria ulteriori prestazioni e chi non ne ha la possibilità economica dovrà rinunciarvi. Insomma alla fine della fiera, ancora una volta il cerino rimane in mano agli operatori e agli utenti del Ssn".

 
"Se poi, come qualcuno afferma, il decreto sull’appropriatezza prescrittiva vuole contrastare la medicina difensiva e andrà a colpire solo le prestazioni inutili, ci permettiamo di dire che la strada intrapresa sembra molto singolare. Invece di intervenire a monte sulle cause della medicina difensiva - a partire dalla disciplina della responsabilità - si interviene a valle mettendo il medico tra due fuochi, le possibili sanzioni pecuniarie per eccesso di prescrizione e le possibili azioni giudiziarie per supposti danni derivanti da difetto di prescrizione. In questa brutta vicenda dove operatori e cittadini potrebbero pagare un duro prezzo qualcuno forse ci guadagna; potrebbe essere il privato e in particolare il privato non accreditato. E direi che partendo da questo aspetto - onclude Torluccio - una riflessione su dove si sta portando il Ssn andrebbe fatta".

25 settembre 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy