Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 24 MAGGIO 2016
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Gravidanza. Per avere figli, anche gli uomini devono bere meno caffé

Come per le madri, anche i futuri padri non dovrebbero superare le tre dosi al giorno, onde evitare un aumento del rischio di aborto. Lo studio americano pubblicato su Fertility and Sterility.

30 MAR - (Reuters Health) – Uomini, se state cercando un figlio, limitate il consumo di caffeina. Lo sanno bene le madri, per le quali è dimostrato che superare le due tazzine al giorno aumenta del 74% il rischio di aborto. Ma adesso sono avvertiti anche i padri. A dimostrare il collegamento tra consumo di bevande contenenti caffeina e frequenti aborti è uno studio pubblicato su Fertility and Sterility. “Non stiamo dicendo di non bere bevande contenenti caffeina – ha dichiarato il coordinatore dello studio, Germaine Buck Louis dell’Eunice Kennedy Shriver National Institute of Child Health and Human Development di Rockville, nel Maryland – ma uomini e donne dovrebbero limitarsi a non più di tre dosi al giorno”.
 
Lo studio
Per lo studio, Louis e colleghi hanno seguito 344 coppie in Texas e in Michigan nelle prime sette settimane di gravidanza. Tutte le coppie hanno registrato il loro consumo quotidiano di sigarette, caffeina, bevande alcooliche e integratori multivitaminici. In tutto, 98 donne, pari al 28% del campione, hanno avuto aborti durante lo studio. Nelle donne con più di 35 anni, il rischio di abortire era quasi raddoppiato rispetto alle più giovani. Mentre quando le donne assumevano integratori multivitaminici, il rischio di abortire era del 55% più basso. Infine, sorprendentemente, lo studio non ha dimostrato alcun aumento degli aborti associato con fumo o alcool.


I ricercatori non conoscono il meccanismo, ma pensano che la caffeina possa alterare la produzione di ovuli e sperma, interferire con l’impianto dell’embrione o con l’abilità dell’embrione di crescere nell’utero. Come hanno fatto notare gli stessi autori, lo studio non è stato disegnato per dimostrare che l’eccesso di caffeina causa aborti o che le vitamine riducono il rischio di averne. Inoltre, secondo i ricercatori, è possibile che le donne che smettono di prendere caffè lo facciano solo perché provano un rifiuto per via delle nausee.

I commenti
I risultati della ricerca, però, sarebbero discordanti con altri studi, almeno secondo Jeffrey Goldberg, esperto di riproduzione alla Cleveland Clinic, in Ohio, che non era coinvolto nello studio. “I risultati – ha dichiarato Goldberg – non dimostrano che fumare e bere alcool possono ridurre il numero di gravidanze e aumentare il rischio di effetti avversi nello sviluppo fetale”. Inoltre, normalmente i medici avvisano le donne che vogliono avere figli di non aspettare troppo, specialmente quando superano i 35 anni di età, e consigliano loro di limitare il consumo di caffeina e assumere integratori di vitamine. “Ora dovremmo raccomandare anche agli uomini di ridurre il consumo di caffeina”, ha concluso l’esperto.

Fonte: Fertility and Sterility

Lisa Rapaport

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

30 marzo 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Viola Rita (Scienza)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy