Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 14 OTTOBRE 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Spending review. Farmaci branded o generici? La metà dei cittadini non vuole scegliere da solo

Il 55%, comunque, preferebbe usare sempre lo stesso farmaco. E' quanto emerge da un’indagine Medi-Pragma rivolta anche a medici e farmacisti. Secondo i quali la norma non darà un impulso decisivo all’affermazione del farmaco generico in Italia, creando piuttosto tanto confusione.

12 SET - Non è poi così vero che i medici, e tanto meno i farmacisti, osteggiano i farmaci equivalenti. Secondo quanto rivela una survey promossa da Medi-Pragma, anzi, medici e farmacisti informano e propongono la sostituzione di un farmaco di marca con un generico spesso e anche molto spesso. Tuttavia, ai pazienti non piace l’idea di dovere essere loro a scegliere da soli se optare per generico o continuare ad assumere il farmaco branded.

L’indagine per comprendere le reazioni di cittadini e professioni sull’Art.15 della Spending Review, condotta nel periodo dal 31 agosto e l’08 settembre (con metodica CAWI, on line) su un campione rappresentativo di 148 pazienti, 207 medici di famiglia e 203 farmacisti rileva infatti che ben il 43% dei pazienti non si sente in grado di scegliere tra i due farmaci. Questo perché si fida del medico e di quello che prescrive, e non crede che spetti al paziente compere tale scelta. I cittadini, infatti, non si sentono competenti o non sono certi che il medico condividerebbe la scelta. Inoltre, non piace l’idea di una norma “scarica barile”.

I dubbi dei cittadini forse sono anche la conseguenza del fatto che, come emerge dalla survey, il 79% di loro non ha mai usato un farmaco equivalente. Nonostante due terzi degli intervistati affermi di fidarci dei generici “perché contengono lo stesso principio attivo”. E nonostante il 38% dei pazienti affermi che il medico li prescriva occasionalmente, il 20% che li prescriva spesso e il 3% molto spesso. Il 21% degli stessi pazienti, inoltre, ammetta che il medico di famiglia informa spesso (l’8% molto spesso) sulla disponibilità di farmaci equivalenti. E ancora più lo fanno i farmacisti (spesso secondo il 29% dei pazienti e molto spesso secondo il 27%).


Eppure il 55% dei pazienti ammette di preferire continuare a usare i farmaci della stessa marca. In generale, il 57% sostiene di sentirsi comunque pronto a scegliere da solo se optare per un farmaco griffato o un generico, possibilità che per molti è anche “giusta”. In media, sarebbero disposti a pagare di tasca propria fino a 2,39 euro di differenza per potere usare un farmaco di marca.

Tra i medici, comunque, si conferma lo scetticismo nei confronti della norma e dell’imposizione introdotta per i medici. Per il 26% degli intervistati la norma non comporterà comunque alcun risparmio giustificabile per il Ssn né porterà una maggiore affermazione dei generici in Italia perché, secondo il 52% dei medici, la qualità è ancora passa, i controlli scarsi e i cittadini preferiscono comunque i farmaci di marca.
Il 25% dei medici avanza anche dubbi sulla qualità/bioequivalenza dei generici. Il 9% critica la ridotta autonomia decisionale e professionalità del medico di medicina generale. Per il 66% dei medici, comunque, la norma è inoltre inapplicabile nella pratica, sia per la mancanza di attrezzature adatte (come i software) sia perché rischia di disorientare il paziente o addirittura di essere dannosa. Il 22% è comunque pronto ad adeguarsi.
Ma a non andare giù ai medici è anche la convinzione (per il 15% degli intervistati) che la norma dia troppo potere al farmacista (che comunque acquisterà un ruolo maggiormente decisionale per il 96% dei medici intervistati).
Il timore è, nel 26% dei casi, che la norma finisca per aumentare il conflitto medico-paziente e di fornire, per il 23% dei medici, prodotti di scarsa qualità. Secondo il 37% dei medici il paziente sarà disorientato.

Il 15% dei medici è comunque pronto a utilizzare la “non sostituibilità” per mantenere la possibilità di scegliere il farmaco per il suo paziente. Il 37% dei medici, invece, consiglierà al paziente qualche farmaco acquistare e il 7% consiglierà al paziente di portare in farmacia la confezione del farmaco usato in precedenza.


Molto diverso il parere dei farmacisti. Secondo il 33%, nei fatti, la norma non introduce alcuna novità. Il 19% condivide comunque l’idea che i cittadini non sono ancora preparati a questo cambiamento, nonostante per il 26% proprio i cittadini saranno gli unici a ottenere risparmi dalla nuova legge.
Il 9% dei farmacisti confessa di considerare i generici non uguali a branded. Per il 55%, inoltre, ci sarà un impatto sull’autonomia decisionale del medico. Tra questi, il 65% ritiene che la prescrizione sarà condizionata, l’11% ritiene che ne complicherà il lavoro. Tuttavia secondo il 16 il medico sarà così svincolato dalle aziende.
Secondo il 39% la norma non troverà comunque applicazione pratica perché è complicata, crea confusione e il medico, in ogni caso, non prescriverà il generico.

Quanto al maggiore potere in capo ai farmacisti, il 58% dei professionisti del farmaco ammette che sarà così, anche se secondo il 26% non è vero. Il 16% dei farmacisti infine precisa che ad avere maggiore potere di scelta sarà il cittadino.

In ogni caso, i farmacisti sono concordi nel ritenere che, pur introducendo un obbligo e quindi provocando una maggiore diffusione dei generici in Italia, la norma alla fine non darà, secondo il 47% dei farmacisti intervistati, un impulso decisivo all’affermazione del farmaco generico in Italia.
 

12 settembre 2012
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy