Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 19 GIUGNO 2018
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Oms. Ecco le sei prorità indicate per ridurre del 30% le malattie non trasmissibili responsabili di 41 milioni di morti l’anno entro il 2030

Malattie non trasmissibili (NCD); collettivamente cancro, diabete, patologie polmonari  cardiache uccidono 41 milioni di persone ogni anno, rappresentando il 71% di tutti i decessi a livello globale, 15 dei quali si verificano tra i 30 ei 70 anni. Il rapporto focalizza l'attenzione sulle crescenti, ma spesso trascurate, sfide come i disturbi mentali e l'obesità e richiede un impegno politico di alto livello e l'immediato potenziamento delle azioni per affrontare l'epidemia di malattie non trasmissibili. IL RAPPORTO. 

04 GIU - Un nuovo rapporto della Commissione indipendente di alto livello dell'Organizzazione mondiale della sanità sulle malattie non trasmissibili (NCD), pubblicato il 1° giugno, chiede un'azione urgente per affrontare le malattie croniche e i disturbi della salute mentale.

E richiede un impegno politico di alto livello e l'immediato potenziamento delle azioni per affrontare l'epidemia di malattie non trasmissibili, principali cause di morte e malattie.

Collettivamente, il cancro, il diabete, malattie polmonari e le malattie cardiache uccidono 41 milioni di persone ogni anno, rappresentando il 71% di tutti i decessi a livello globale, 15 dei quali si verificano tra i 30 ei 70 anni. Il rapporto focalizza l'attenzione sulle crescenti, ma spesso trascurate, sfide come i disturbi mentali e l'obesità.

Il presidente dell'Uruguay (e della Commissione), Tabaré Vázquez, ha invitato i leader mondiali a "raddoppiare gli sforzi" per raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile per ridurre la morte prematura per malattie non trasmissibili di un terzo entro il 2030 e per promuovere la salute mentale e il benessere: "Preservare e migliorare la qualità delle persone della vita è un modo di migliorare la dignità umana per progredire in termini di crescita economica, giustizia sociale e convivenza umana ", ha detto Vázquez, che ha presentato il rapporto al direttore generale dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus a Ginevra. "La salute è essenziale per la pace e la democrazia. Non si tratta di spendere molto, ma di fare buoni investimenti ".


"Conosciamo il problema e abbiamo le soluzioni, ma se non aumentiamo i finanziamenti per le NCD e chiediamo a tutte le parti interessate di assumersi le responsabilità indicate e promesse, non saremo in grado di accelerare i progressi", ha dichiarato il co-presidente della Commissione, Sania Nishtar. "L'epidemia delle NCD è esplosa nei paesi a basso e medio reddito negli ultimi due decenni. Dobbiamo muoverci rapidamente per salvare vite umane, prevenire sofferenze inutili e impedire il collasso di sistemi sanitari fragili ".

Soddisfare la promessa di una copertura sanitaria universale, per garantire a tutte le persone in tutto il mondo l'accesso a servizi sanitari di qualità senza subire difficoltà finanziarie, è una delle principali priorità  dell'Oms. La relazione della Commissione aiuterà i paesi a orientarsi verso la salute di tutti e ad affrontare sia le malattie non trasmissibili che i killer infettivi.
 
"L'Oms è stata fondata 70 anni fa con la convinzione che la salute è un diritto umano di essere goduto da tutte le persone, e non un privilegio per pochi", ha detto il direttore generale dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus. "Le raccomandazioni di questo rapporto rappresentano un passo importante verso la realizzazione di questo diritto prevenendo la sofferenza e la morte causate da malattie non trasmissibili".

Invitando i capi di Stato e di governo a assumersi la responsabilità per le malattie non trasmissibili, il rapporto, che è stato anche pubblicato simultaneamente sulla rivista medica The Lancet, riconosce la necessità di garantire che i ministeri della salute abbiano l'influenza di cui hanno bisogno per garantire che il problema sia sostenuto la volontà politica e il finanziamento meritano.

La presentazione della relazione al direttore generale dell'Oms è la prima attività della Commissione, che continuerà a fornire un sostegno di alto livello alla comunità NCD, catalizzando azioni e finanziamenti, soprattutto nei paesi.

Il 27 settembre 2018, l'Assemblea generale delle Nazioni Unite ospiterà la terza riunione ad alto livello sulle NCD a New York. La relazione della Commissione aiuterà a consigliare l'Oms mentre si prepara a questa cruciale occasione.

I copresidenti della Commissione comprendono i presidenti di Finlandia, Sri Lanka e Uruguay, il ministro della Sanità della Federazione russa e Sania Nishtar, una delle principali esperti e difensori delle NCD, ex ministro federale della sanità del Pakistan. La Commissione comprende i leader della salute e dello sviluppo di governi, società civile e imprese.

Le malattie non trasmissibili (NCD), comprese le malattie cardiovascolari, il cancro, il diabete, le malattie respiratorie croniche e i disturbi mentali, tendono a essere di lunga durata e sono il risultato di una combinazione di fattori genetici, fisiologici, ambientali e comportamentali.

L'uso del tabacco, l'inattività fisica, l'uso dannoso di alcol e diete malsane aumentano il rischio di morire da una NCD. La rilevazione, lo screening e il trattamento delle malattie non trasmissibili e delle cure palliative sono componenti chiave della risposta alle malattie non trasmissibili. L'Oms riconosce anche che l'inquinamento atmosferico come fattore di rischio critico per le malattie non trasmissibili.

A NCD e disturbi mentali sono interessati miliardi di persone in tutto il mondo in tutte le fasi della vita, dall'infanzia all'età adulta.

Quattro malattie - malattie cardiovascolari, cancro, malattie respiratorie croniche e diabete -  rappresentano la maggior parte del carico NCD.

Nel 2015, i paesi hanno concordato la sostenibilità degli Obiettivi di sviluppo, che include un obiettivo NCD specifico all'interno dell'obiettivo 3 sulla salute con la riduzione di un terzo di mortalità prematura della NCD entro il 2030 attraverso la prevenzione e trattamento delle malattie non trasmissibili e la promozione della salute mentale e benessere (obiettivo SDG 3.4). Nonostante i numerosi interventi e gli impegni assunti per combattere le malattie non trasmissibili, i progressi sono stati lenti e irregolari.

Questo anche per la mancanza di volontà politica e della definizione delle priorità, l’impatto dei fattori economici, commerciali e di mercato, e l’insufficiente finanziamento.

La Commissione indipendente ad alto livello dell'Oms sulle NCD è stata convocata dal direttore generale dell'Oms nell'ottobre 2017 per consigliarlo su come i paesi possono accelerare i progressi verso il conseguimento dell'obiettivo SDG 3.4.

E sulla base del lavoro già svolto e di quello nuovo messo in campo la Commissione ha concordato su sei chiavi raccomandazioni.

1 Iniziare dall’alto

Leadership politica e responsabilità, dalle capitali ai villaggi.

A I capi di Stato e di governo, non solo i ministri della salute, dovrebbero supervisionare il processo di creazione
e proprietà a livello nazionale delle malattie non trasmissibili e della salute mentale.

I leader politici a tutti i livelli, compreso il livello subnazionale, ad esempio i sindaci della città, dovrebbero assumere la responsabilità di azioni locali globali, insieme con il settore sanitario, che possano far progredire l'azione contro le malattie non trasmissibili e i disturbi mentali.
 
2 Priorità

I governi dovrebbero identificare e attuare una serie specifica di priorità all'interno del programma per NCD e salute mentale, basato sui bisogni di salute pubblica.

A Un governo dovrebbe identificare e attuare una serie specifica di priorità all'interno del programma sanitario per le  NCD e la salute mentale, basato sui bisogni di salute pubblica.
 
3 Incorporare ed espandere le NCD entro sistemi sanitari e universali di copertura sanitaria


I governi dovrebbero riorientare i sistemi sanitari per includere la promozione della salute, la prevenzione e il controllo delle malattie non trasmissibili e dei servizi di salute mentale nelle loro politiche e piani UHC (copertura sanitaria universale) , secondo i contesti e le esigenze nazionali.
 
I Governi dovrebbero garantire che il pacchetto nazionale di assistenza sanitaria UHC comprenda i servizi per  NCD e salute mentale, compresa la promozione e la prevenzione della salute e gli interventi prioritari di assistenza sanitaria e l'accesso a medicine e tecnologie essenziali.

B I servizi sanitari di base dovrebbero essere rafforzati per garantire una copertura equa, comprese le funzioni essenziali sanitarie pubbliche, con una forza lavoro multidisciplinare adeguata e ben attrezzata, in particolare includendo operatori sanitari della comunità e infermieri.
C Le sinergie dovrebbero essere identificate nelle piattaforme di assistenza per le cronicità esistenti, come l'HIV e la tubercolosi, per far ripartire i servizi per NCD e salute mentale.
 
4 Collaborare e regolare


I governi dovrebbero aumentare la regolamentazione efficace, l'impegno appropriato con il settore privato, università, società civile e comunità, sulla base di un approccio globale alle NCD e condividere esperienze e sfide, inclusi modelli di policy che funzionano.
 
Governi


A I governi devono prendere l'iniziativa nella creazione di ambienti che proteggono la salute attraverso leggi robuste, dove e se necessario, e attraverso il dialogo, se del caso, sulla base del principio "la salute è la priorità",
compresi obiettivi chiari, trasparenza e obiettivi concordati. Il dialogo non deve, tuttavia, sostituire la regolamentazione nei casi in cui la regolamentazione è l'unica misura efficace. Qualsiasi piattaforma di dialogo dovrebbe includere trasparenza e un meccanismo per la responsabilità e la valutazione e un calendario.
 
Settore privato

B I governi dovrebbero essere incoraggiati a impegnarsi in modo costruttivo con il settore privato, a eccezione dell'industria del tabacco e con la dovuta attenzione alla gestione degli interessi commerciali e di altri interessi acquisiti, pur proteggendo da qualsiasi influenza indebita, cercando modi per rafforzare impegni e contributi a
raggiungere gli obiettivi di salute pubblica, in conformità con il mandato degli OSS.
 
C Prendendo in considerazione e gestendo eventuali interessi commerciali e altri interessi acquisiti, al fine di contribuire per accelerare i progressi verso l'obiettivo SDG 3.4, i governi dovrebbero lavorare con: alimenti e aziende produttrici di bevande non alcoliche in settori quali la riformulazione, l'etichettatura e la regolamentazione del marketing; industrie del tempo libero e dello sport per promuovere l'attività fisica; l'industria dei trasporti per garantire sicurezza, pulizia e sostenibilità nella mobilità; l'industria farmaceutica e i produttori di vaccini per garantire l'accesso a prezzi accessibili, qualità garantita per medicine e vaccini essenziali; e con le aziende tecnologiche per sfruttare le tecnologie emergenti per l’azione sulle NCD.

D I governi dovrebbero dare la priorità alla limitazione della commercializzazione di prodotti non sani (quelli contenenti quantità eccessive di zuccheri, sodio, grassi saturi e grassi trans) per i bambini. L’Oms dovrebbe esplorare la possibilità di stabilire un codice di condotta internazionale su questo tema, pur riconoscendo la necessità di partenariati basati sull'allineamento degli interessi.
 
Si dovrebbero considerare sia gli incentivi fiscali che i disincentivi per incoraggiare stili di vita sani promuovendo il consumo di prodotti sani e diminuendo il marketing, la disponibilità e il consumo di prodotti malsani.
 
Società civile
 
F I governi dovrebbero garantire l'impegno e la partecipazione della società civile e delle persone che vivono con le malattie non trasmissibili e i disturbi mentali, compreso, se del caso, rafforzando le alleanze in particolare nei paesi a basso e medio reddito. I governi dovrebbero lavorare con la società civile per far crescere la consapevolezza, aumentare la difesa, fornire servizi e monitorare i progressi. Oltre la società civile, possono essere utilizzati meccanismi multisettoriali, come le commissioni nazionali delle NCD e gli equivalenti del meccanismo di coordinamento globale, per garantire un'ampia consultazione.
 
Le persone con cattive condizioni di salute mentale e la società civile devono essere coinvolte per porre effettivamente fine alla discriminazione e violazioni dei diritti umani. Dovrebbero anche essere coinvolti nella pianificazione dei servizi di salute mentale.
 
I governi dovrebbero aumentare la responsabilizzazione delle persone a intraprendere azioni promuovendo attivamente l'alfabetizzazione sanitaria, compresi i programmi di studio dell'istruzione formale e le campagne di informazione e comunicazione mirate. Questo potrebbe includere la convocazione di esperti di marketing ed economisti comportamentali per sviluppare campagne di sanità pubblica progettate per educare diverse popolazioni su come meglio prevenire e mitigare i fattori di rischio e i danni delle malattie non trasmissibili.
 
Ruolo di supporto dell’Oms

L’Oms dovrebbe sostenere gli sforzi dei governi per impegnarsi con il settore privato per la prevenzione e il controllo di malattie non trasmissibili, comprese le eventuali misure normative, tenendo conto della logica, dei principi, dei benefici, e rischi e la gestione dei conflitti di interesse in tale impegno.
 
 
5 Finanza

I governi e la comunità internazionale dovrebbero sviluppare un nuovo paradigma economico per finanziare l'azione sulle malattie non trasmissibili e la salute mentale.

I Governi nazionali dovrebbero

A
- Sviluppare e implementare un nuovo paradigma economico per le azioni contro le malattie non trasmissibili, sulla base di prove che misure efficaci sono gli investimenti nel capitale umano e la crescita economica.

- Aumentare la percentuale dei bilanci nazionali destinati alla salute, alla promozione della salute e alle funzioni di salute pubblica essenziali e nell'ambito della salute, alle malattie non trasmissibili e alla salute mentale.

- Attuare misure fiscali, tra cui l'aumento delle tasse su tabacco e alcol, e su altri prodotti non salutari.

- Con il supporto degli strumenti sviluppati dall'Oms, condurre valutazioni dell'impatto sulla salute e, dove possibile, valutare quali fattori nel costo reale per le società di politiche ha l’impatto sulle NCD.
 
La comunità internazionale dovrebbe
 
B
- Aumentare i finanziamenti e i prestiti per la prevenzione e la gestione delle malattie non trasmissibili attraverso canali bilaterali e multilaterali;

- Esplorare una serie di meccanismi per aumentare i finanziamenti per l'azione sulle NCD, che potrebbe includere: istituzione di un contributo globale al tabacco e all'alcol solidale come finanziamento innovativo volontario meccanismo utilizzato dagli Stati membri per la prevenzione e il trattamento delle malattie non trasmissibili: prendere in considerazione l’istituzione di un fondo multi-donatore, per catalizzare il finanziamento per lo sviluppo della risposta alle malattie non trasmissibili nazionali e mentali in coerenza con le politiche a livello nazionale.

- Integrare le NCD negli indici di capitale umano e di sviluppo umano.

- Convocare un forum sulla salute per gli investitori per sostenere l'azione contro le malattie non trasmissibili.
 
L'Oms dovrebbe dare la priorità alle malattie non trasmissibili e alla salute mentale. Ciò richiede che gli Stati membri considerino l'aumento o la riallocazione dei loro contributi all'Organizzazione in modo che l'Oms possa soddisfare la domanda di sostegno.
Il supporto per affrontare le NCD è la principale richiesta da parte dei paesi, ma il budget dell'organizzazione è stato ridotto nel biennio in corso a causa della mancanza di finanziamenti da parte dei donatori.
 
6 Agire per responsabilità
 

I governi dovrebbero rafforzare la responsabilità nei confronti dei propri cittadini per l'azione sulle malattie non trasmissibili.
 
 
Un governo dovrebbe creare o rafforzare i meccanismi nazionali di responsabilità, tenendo conto del meccanismo globale  di responsabilità per le NCD e le valutazioni dell'impatto sulla salute.

L'Oms dovrebbe semplificare l'attuale meccanismo di responsabilità per le NCD e stabilire una tracciabilità chiara e per i programmi di maggiore impatto che possono portare al raggiungimento dell'obiettivo SDG 3.4, tra cui il conto alla rovescia al 2030 per le malattie non trasmissibili e la salute mentale.

04 giugno 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy