Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 09 FEBBRAIO 2023
Cronache
segui quotidianosanita.it

Neomamma si addormenta mentre allatta, morto neonato al Pertini di Roma. Il padre: “Era stremata, è stata lasciata sola”


La donna potrebbe avere soffocato il bambino. La Procura ha aperto un’indagine per verificare eventuali negligenze del personale ospedaliero. Il co-sleeping, cioè la pratica di dormire con il neonato accanto, è fortemente sconsigliato proprio per i rischi che comporta. Ma il papà accusa: “La mia compagna era stremata dopo 17 ore in travaglio, ha implorato più volte il personale di portare il piccolo al nido per potere riposare un po’. Non ce la faceva più. Ma la risposta era sempre 'no, non si può".

24 GEN - Sarà la Procura di Roma a fare chiarezza sulla morte del neonato nel reparto di ginecologia dell'ospedale romano Pertini, nella notte tra il 7 e l'8 gennaio. Dai primi racconti, secondo quanto riferisce l'Ansa, sembrerebbe che la mamma si sia addormentata mentre lo allattava e nel sonno avrebbe soffocato suo figlio. Si dovranno accertare anche le responsabilità del personale del reparto, che avrebbe dovuto sorvegliare le donne e i bambini, e assicurarsi che il neonato fosse stato riposto nella culla dopo l’allattamento. Il co-sleeping dal protocollo infatti non sarebbe stato permesso, e la pratica è sconsigliata proprio per il rischio che comporta per il leonato.

La Procura dovrà quindi stabilire se corrisponda a verità quanto emerso dai primi racconti, e cioè la mamma avrebbe preso il piccolo in braccio nel tardo pomeriggio e l'infermiera in servizio si sarebbe accorta solo dopo la mezzanotte della tragedia. In sostanza la verifica della magistratura è volta a chiarire se si siano violati i protocolli e se vi siano state nelle negligenze da parte del personale sanitario.

Il papà del neonato deceduto punta il dito contro l’ospedale. “La mia compagna è a pezzi", ha detto in una intervista al Messaggero. "Le si erano rotte le acque alle 4 della notte, ha poi trascorso 17 ore in travaglio prima di partorire. Era sfinita, ma le hanno subito portato il piccolo per l’allattamento e hanno anche preteso che gli cambiasse il pannolino da sola. Ma lei non si reggeva in piedi”. "Lei stessa – aggiunge - aveva implorato più volte il personale del reparto di portare il piccolo al nido per qualche ora per potere riposare un po’. Non ce la faceva più. Ma la risposta era sempre 'no, non si può".

24 gennaio 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy