Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 27 GIUGNO 2022
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Covid. Draghi avvisa: “Per Natale in arrivo possibili nuove misure di contenimento. Ma dipenderà da dati su variante Omicron”


E anche se il premeir in conferenza stampa con il neo cancelliere tedesco Olaf Scholz assicura che nulla è stato ancora deciso, le ipotesi fioccano. Tra queste quella di accorciare ancora (da nove a sei mesi) la durata del Super Green Pass, estendendo allo stesso tempo il suo impiego ad altri settori. Possibile poi la cancellazione su base nazionale degli eventi e dei concerti per Capodanno.

20 DIC - “Per Natale ci potrebbbero essere nuove misure per arginare il Covid, ma bisogna ancora aspettare per sapere quali siano sulla base dei dati che valuteremo tra mercoledì e giovedì prossimi”, lo ha anticipato il premier Mario Draghi al termine dell'incontro col cancelliere tedesco Olaf Scholz a Roma.

"Ringrazio Scholz per gli elogi per la nostra campagna vaccinale (il cancelliere tedesco ha detto tanto di cappello all’Italia, ndr) ma ancora c'è da lavorare e essere attenti. Passeremo in rassegna eventuali provvedimenti in vista di Natale. Non c'è ancora nulla di deciso. Aspettiamo mercoledì o giovedì i dati di sequenziamento per vedere" come avanza Omicron. E intanto, spinge Draghi, "massima velocità alla terza somministrazione".
 
Insomma, come ha confermato il premier è possibile che alla vigilia dell’inizio delle festività natalizie possa arrivare un ulteriore stretta. In primis il Governo sta valutando la possibilità di accorciare ancora (da nove a sei mesi) la durata del Super Green Pass, estendendo allo stesso tempo l’obbligo del 2G ad altri settori dove per il momento è sufficiente un tampone.
 
L’intento è di incentivare i cittadini alla vaccinazione, pena l’esclusione da quasi ogni attività sociale: ristoranti, bar, teatri, cinema, stadi, musei. E il rischio è anche che il super Green pass possa essere esteso anche ai negozi al dettaglio (ad eccezione di farmacie e alimentari), trasporto pubblico locale, aerei e treni a lunga percorrenza. Praticamente vorrebbe dire escludere i non vaccinati da quasi tutto.
 
Molto probabile un intervento, sulla scia di quanto già fatto da alcuni Comuni e da alcune Regioni, che cancelli concerti e grandi eventi di Capodanno.
 
In prospettiva circola anche l’ipotesi dell’obbligo del tampone per accedere ad alcuni mega eventi (stadi e concerti) per evitare la soluzione più drastica che prevede il ritorno alle gare a porte chiuse nel calcio.
 
Tutto questo, come ha ricordato Draghi, nell’attesa dei nuovi dati sull’andamento dei contagi, dei ricoveri e della diffusione di Omicron che se dovessero salire ancora potrebbero portare con il nuovo anno all’estensione della vaccinazione obbligatoria ai dipendenti pubblici e a quelli privati che lavorano a stretto contatto con il pubblico.
 

20 dicembre 2021
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy