Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 05 MARZO 2024
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Zaffini (FdI): “Sulla riforma del farmaco proposta dall’Ue l’Italia vuol dire la sua”


"L’accesso ai medicinali varia da un Paese all’altro in Europa. Alcuni Paesi devono attendere in media 4 mesi per trovare un determinato prodotto nella farmacia più vicina, mentre altri devono aspettare più di 2 anni. Sta inoltre aumentando la preoccupazione per le possibili carenze di farmaci. Ritengo debbano essere sviluppate iniziative che possano integrare e migliorare tali carenze con soluzioni a lungo termine basate sulla collaborazione e il dialogo tra tutte le parti interessate".

07 FEB -

“La riforma del farmaco proposta dall’UE è la più importante degli ultimi 20 anni e certamente un primo passo fondamentale in un settore cruciale e complesso come quello della Sanità. Qualcuno la definisce una pietra miliare che punta a creare un quadro normativo a prova di XXI secolo con particolare attenzione ad ambiente, pandemie, carenze e accessibilità di farmaci, naturalmente con un approccio incentrato sul paziente e che contemporaneamente sostenga anche un’industria innovativa e competitiva. Altri definiscono questa riforma come una mazzata sulla nostra industria".

Lo ha detto il senatore di Fratelli d’Italia Franco Zaffini, presidente della X Commissione Salute, Lavoro pubblico e privato, Affari Sociali.

"Tutti sappiamo che l’accesso ai medicinali varia da un Paese all’altro in Europa. Alcuni Paesi - ha proseguito - devono attendere in media 4 mesi per trovare un determinato prodotto nella farmacia più vicina, mentre altri devono aspettare più di 2 anni. Sta inoltre aumentando la preoccupazione per le possibili carenze di farmaci dagli antibiotici agli antidolorifici e a volte farmaci salvavita. Proprio alla luce di tutte queste difficoltà e non solo, ritengo che debbano essere sviluppate, e dove già attivate, consolidate, iniziative che possano integrare e migliorare tali carenze con soluzioni a lungo termine basate sulla collaborazione e il dialogo tra tutte le parti interessate, prima fra tutto la Commissione UE.

Lo scorso dicembre il Parlamento ha approvato due Risoluzioni con valutazione critica ma nel complesso favorevole e proprio per illustrare e chiarire la posizione del Governo ho proposto una tavola rotonda con il Ministro della Salute Orazio Schillaci, il Senatore Adolfo Urso (Ministro delle Imprese e del Made in Italy), la dott.ssa Sandra Gallina (Direttore generale per la Salute e la Sicurezza Alimentare della Commissione Europea) il Ministro delle Politiche Europee Raffaele Fitto e non solo. Perché l’Italia oggi è prima per fatturato nella produzione di farmaci”, ha concluso Zaffini.



07 febbraio 2024
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy