Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 24 LUGLIO 2024
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

I tweet della Sanità al “mago” Renzi

di Ivan Cavicchi

Dai messaggi inviati in questi giorni, tramite Quotidiano Sanità, al premier dai diversi protagonisti del settore traspare una serie di  interessi particolari tutti legittimi (la farmacia, la dirigenza, il contratto, gli investimenti, la prevenzione, ecc.). Ma non vedo una game strategy cioè non vedo qualcosa che ci riunisca tutti per ridiscutere il gioco

24 APR - Sto leggendo con interesse i tweet che il mondo della sanità sta trasmettendo al premier Renzi attraverso Quotidiano Sanità.
 
Cerchiamo di riassumere i termini delle questioni sollevate e il contesto in cui esse vengono avanzate:
· tagli o non tagli la sanità è chiamata a garantire una riduzione di spesa di una certa entità, che se non sarà reale e se non avverrà in un tempo determinato,  farà scattare i tagli lineari da parte del governo,
· tutti i tweet in un modo o nell’altro al contrario chiedono una crescita della spesa  cioè di sbloccare quella riconducibile ai contratti ,dirigenza e piante organiche, investimenti.
 
Il gioco che si è scelto di giocare è il “Patto per la salute”, che per soddisfare tutti dovrebbe soddisfare a tre condizioni:
· che  sia a somma zero cioè che alla fine il saldo  tra meno spesa e più spesa sia invariante,
· che sia a somma non zero cioè assicuri al governo comunque i risparmi che si aspetta pena i tagli lineari,
· che sia polivalente cioè che  destini allo stesso tempo le risorse risparmiate alla sostenibilità del sistema, quindi alle regioni, alla manovra del governo quindi alla qualificazione della spesa pubblica, ai contratti  cioè ai lavoratori e ai Lea o all’innovazione quindi ai cittadini .
 
Il Patto per la salute in sostanza sarebbe chiamato a fare  una magia (che forse si spera il “mago” Renzi riuscirà a fare) cioè a conciliare i tanti interessi in campo  cercando  una sorta di equilibrio di Nash della sanità, cioè  un punto   in cui  il massimo guadagno individuale sia in equilibrio  anche con quello collettivo. (John Nash ha dimostrato che ogni gioco finito ad n giocatori ammette almeno un punto di equilibrio in strategie miste).
 
E’, il Patto per la salute in grado di garantire l’equilibrio di Nash? Purtroppo no e per diverse ragioni:
· dai documenti preparatori per il Patto per la salute sappiamo  che si cambia poco, che si vola bassi, che si aggiusteranno due e tre cose marginali (quelle di cui la ministra Lorenzin parla continuamente) ma soprattutto che non saranno aggredite le spese parassite, abusive, gli sprechi e le corruzioni......e questo a parte essere immorale, non permetterà mai di raggiungere l’equilibrio di Nash perché  non riuscirà a liberare  tutte le risorse che servirebbero per  garantirlo (l’equilibrio  di Nash ha bisogno per essere fatto di tante ma tante risorse),
· in pratica  con il Patto si accetta di risparmiare 10 mld di sprechi come li chiama pudicamente la ministra, in tre anni, sapendo che in sanità  vi sono almeno 30 mld di magna magna  l’anno e quindi che  almeno 20 mld di magna magna sono come tollerati,
· i giocatori di questo Patto quindi  sono degli imbroglioni cioè  sono l’esatto contrario di quello che auspica Nash, non sono individui “intelligenti ottimisti” ma sono individui   “stupidi egoisti” alla ricerca dei più diversi   espedienti  per auto rifinanziarsi,
· questi giocatori  imbroglioni si comportano come compari, non esiste un progetto di riforma della ministra perché la sua linea politica  è una estensione di quella di Errani. Al contrario per trovare l’equilibrio  di Nash sarebbe necessario che i giocatori non fossero compari, che ci fosse una dialettica tra  un progetto di riforma del governo e le proposte  delle regioni. Ma la ministra oltre a non avere questo progetto, per quello che si vede, non ha la forza politica per imporre alle regioni le proprie condizioni a meno di non andare dal mago Renzi a chiedere le coperture politiche di cui abbisogna ...ma lo trovo difficile.....anche in questo caso vi è obbligo di progetto.
 
Insomma questi tweet “disvelano l’implicito” vale a dire lo scetticismo di chi, come me ed altri, alla fine credono poco nella possibilità del Patto per la salute. Ma allora che fare? Dietro ai tweet che leggo vedo una serie di interessi particolari tutti legittimi (la farmacia, la dirigenza, il contratto, gli investimenti, la prevenzione, ecc.) ma non vedo  una game strategy cioè non vedo qualcosa che ci riunisca tutti per ridiscutere il gioco dal quale oltretutto tutti noi siamo esclusi e che ci fregherà per l’ennesima volta .
 
In questi giorni mi sono permesso di avanzare alcune proposte: un patto con il lavoro, un nuovo  titolo V, cioè altre forme di partecipazione in luogo della non concertazione, soluzioni per combattere alla radice le diseconomie e le anti economie del sistema ma ahimè come spesso mi accade, non ho avuto riscontri....e allora penso tre cose:
· che  nelle commedie tutti devono fare la loro parte,
· che probabilmente, se le commedie non cambiano è possibile che la sanità pubblica sia avviata verso “l’esodo” di biblica memoria,
· è possibile quindi che fra non molto pioveranno delle rane per cui sarebbe saggio da parte nostra avere un ombrello robusto a disposizioni.
 
Amici cari i vostri tweet costano e anche parecchio, se pensate che il mago Renzi, di questi tempi vi darà i soldi che chiedete siete degli illusi, se pensate invece che i soldi vanno trovati e presi dove sono con un progetto di cambiamento e per questo come lavoro siete disposti a fare un patto... in questo caso.... ma solo in questo caso... i maghi sarete voi.
 
Ivan Cavicchi

24 aprile 2014
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy