Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 24 AGOSTO 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Formazione medica. I giovani Fimmg lanciano petizione: “Basta proporre sanatorie, servono soluzioni strutturali”

Fimmg Formazione chiede “una formazione retribuita e di qualità, accesso a specializzazioni solo per concorso, aumento del numero delle borse di studio per la formazione maggiore investimento economico nel SSN”. “Qualsiasi soluzione alternativa rischia concretamente di aumentare incertezza, precariato tra i giovani medici e svalutazione del Ssn”.

19 FEB - “Nei mesi scorsi abbiamo assistito al tentativo di dequalificare la formazione post laurea dei medici a favore di sanatorie dannose sia per la qualità dell’assistenza ai cittadini che per i medici stessi, costretti a seguire senza remunerazione alcuna, percorsi formativi inadeguati perché privi di seria programmazione strutturale, didattica e organizzativa”. È quanto si legge in una petizione di Fimmg Formazione lanciata sulla piattaforma change.org.
 
“Assistiamo – si legge - ancora in questi giorni al tentativo di strumentalizzare le giuste aspettative dei giovani e non giovani medici che negli anni sono stati esclusi, per mancanza di risorse economiche, dalla possibilità di concludere il proprio percorso di qualificazione professionale fino a un livello che consentisse l’ingresso nel SSN. Vengono riproposte le misere toppe delle sanatorie di massa invece che soluzioni strutturali capaci di valorizzare e non di dequalificare il percorso”.

 
“Pertanto – prosegue - per tutelare il diritto dei cittadini di essere curati da medici che abbiano ricevuto una adeguata formazione specialistica”
 
Per tutelare i diritti di TUTTI I MEDICI affinché si potenzi la formazione post-lauream FIMMG Formazione chiede:
· Una formazione retribuita e di qualità, come unico mezzo per accedere professione.
· L’accesso ai percorsi di formazione, sia di specializzazione che di medicina generale, consentito esclusivamente ai vincitori di concorso pubblico sulla base del merito.
· L’aumento del numero delle borse di studio per la formazione post-laurea affinché ogni medico laureato possa completare il proprio percorso formativo ed accedere nel SSN e non resti nell’imbuto del precariato a vita.
· Un maggiore investimento economico nel SSN, adeguato a garantire la sopravvivenza del SSN stesso e un’assistenza sanitaria più equa.
 
“Qualsiasi soluzione- conclude - alternativa rischia concretamente di aumentare incertezza, precariato tra i giovani medici e svalutazione del SSN”.

19 febbraio 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy