Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 14 OTTOBRE 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Formazione medica. I giovani Fimmg lanciano petizione: “Basta proporre sanatorie, servono soluzioni strutturali”

Fimmg Formazione chiede “una formazione retribuita e di qualità, accesso a specializzazioni solo per concorso, aumento del numero delle borse di studio per la formazione maggiore investimento economico nel SSN”. “Qualsiasi soluzione alternativa rischia concretamente di aumentare incertezza, precariato tra i giovani medici e svalutazione del Ssn”.

19 FEB - “Nei mesi scorsi abbiamo assistito al tentativo di dequalificare la formazione post laurea dei medici a favore di sanatorie dannose sia per la qualità dell’assistenza ai cittadini che per i medici stessi, costretti a seguire senza remunerazione alcuna, percorsi formativi inadeguati perché privi di seria programmazione strutturale, didattica e organizzativa”. È quanto si legge in una petizione di Fimmg Formazione lanciata sulla piattaforma change.org.
 
“Assistiamo – si legge - ancora in questi giorni al tentativo di strumentalizzare le giuste aspettative dei giovani e non giovani medici che negli anni sono stati esclusi, per mancanza di risorse economiche, dalla possibilità di concludere il proprio percorso di qualificazione professionale fino a un livello che consentisse l’ingresso nel SSN. Vengono riproposte le misere toppe delle sanatorie di massa invece che soluzioni strutturali capaci di valorizzare e non di dequalificare il percorso”.

 
“Pertanto – prosegue - per tutelare il diritto dei cittadini di essere curati da medici che abbiano ricevuto una adeguata formazione specialistica”
 
Per tutelare i diritti di TUTTI I MEDICI affinché si potenzi la formazione post-lauream FIMMG Formazione chiede:
· Una formazione retribuita e di qualità, come unico mezzo per accedere professione.
· L’accesso ai percorsi di formazione, sia di specializzazione che di medicina generale, consentito esclusivamente ai vincitori di concorso pubblico sulla base del merito.
· L’aumento del numero delle borse di studio per la formazione post-laurea affinché ogni medico laureato possa completare il proprio percorso formativo ed accedere nel SSN e non resti nell’imbuto del precariato a vita.
· Un maggiore investimento economico nel SSN, adeguato a garantire la sopravvivenza del SSN stesso e un’assistenza sanitaria più equa.
 
“Qualsiasi soluzione- conclude - alternativa rischia concretamente di aumentare incertezza, precariato tra i giovani medici e svalutazione del SSN”.

19 febbraio 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy