Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 03 OTTOBRE 2022
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Arru (Assessore Sardegna): "Intervenga Grillo. È stato commesso un grave errore”

di Luigi Arru

01 DIC - Ho letto con estremo stupore la notizia che il collega Assessore alla Sanità dell’ Emilia Romagna, Sergio Venturi, medico igienista, sia stato radiato dall’Ordine dei Medici di Bologna. Credo che radiare Assessore alla Sanità per una delibera sia un grave gesto e cercherò di argomentare.
 
Partirò dall’esperienza vissuta negli anni precedenti al mio incarico come assessore , quando ho avuto il piacere ed onore di essere Presidente dell’Ordine dei Medici e Odontoiatri della Provincia di Nuoro, e coordinatore del centro studi FNOMCeO con il Presidente Amedeo Bianco.
 
Persiste la convinzione che la laurea in medicina, e l’iscrizione all’ordine dei Medici, siano passaggi che portino la persona ad appartenere ad un mondo parallelo, separato dalla società, soggetto esclusivamente da regole e norme interne.Non l’ho mai creduto, perché credo che ordine dei medici nasca in nome di norme del diritto positivo, per esempio un articolo del codice civile che impone iscrizione ad ordini e collegi, perché sicuramente se ne riconosce la peculiarità professionale, o la recente riforma degli ordini sanitari che riconosce un ruolo sussidiario, sostituendo il concetto di organò ausiliario. In ogni caso la gerarchia delle norme pur dando un ruolo al codice deontologico, lo pone ad un livello differente rispetto alle norme costituzionali, o alle altre leggi.
 
Utilizzare il codice deontologico per contestare una delibera approvata collegialmente da una giunta regionale, pur presentata dall’assessore alla Sanità, significa avere la convinzione che Venturi sia un solitario, autoreferenziale, che fa e disfa; è un grave errore pensarlo, perché i processi di approvazione di una delibera, sono espressione di un lavoro complesso con intervento forze parlamentari, dirigenti diversi uffici.
 
L’atto disciplinare che pretende di sovraordinarsi al processo del consiglio regionale, della Giunta, è un atto pericoloso perché interferisce con un processo democratico di produzione delle leggi, che possono piacere o meno, ma sono, ripeto, espressione dell’approvazione di una proposta, discussa nelle commissioni regionali, e poi approvate dalla giunta.
 
Non voglio usare un termine con semplicismo, ma rischia di interferire nel processo democratico. Con questa preoccupazione faccio un appello al Ministro della Salute, come organo di sorveglianza, per impedire un grave errore che non fa bene al sistema sanitario ne fa bene alla professione medica. Colgo occasione per esprimere la mia solidarietà al collega Venturi.
 
Luigi Arru
Assessore alla Sanità Sardegna

01 dicembre 2018
© Riproduzione riservata
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy