Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 28 SETTEMBRE 2020
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Coronavirus. Casi in crescita ma quasi tutti asintomatici: Rt supera 1, piccoli focolai nel salernitano. Indenne Capri, isola Covid free 

di Ettore Mautone

Sono 3 i piccoli focolai confermati dal ministero, Salerno, Pisciotta e Villa Literno senza necessità di Zona rossa perché molto limitati, prontamente circoscritti e controllabili. Perrella: "I sintomatici sono pochi e quelli gravi pochissimi rispetto a quello che vedevamo a febbraio o marzo. Del resto una pandemia non è un’emergenza di poco conto"

31 LUG - Con un indice di infettività Rt passato da 0,9 a 1,1 e che per la prima volta dunque supera il valore di 1 nella settimana di riferimento 20/26 luglio in Campania si accendono piccole spie sul fronte del Covid-19 apparse soprattutto nell’ultima settimana e da leggere come un segnale di attenzione ma non di allarme. Sono 3 piccoli focolai confermati dal ministero, Salerno, Pisciotta e Villa Literno senza necessità di Zona rossa perché molto limitati, prontamente circoscritti e controllabili e che rappresentano la conferma che il profondo lavoro dei dipartimenti di prevenzione delle Asl consente di controllare i casi che emergono soprattutto per i rientri dall'estero. Dal 28 giugno al 18 luglio i casi positivi ai tamponi, effettuati in maniera mirata e in più piccola misura per screening, prevenzione e diagnosi precoce, sono passati da una media di 50 positivi a settimana a 92 casi rilevati nell’ultima settimana ma di questi, la quota di sintomatici che accusano lievi sintomi all’esordio della malattia, è minima.

ASINTOMATICI
“La fase attuale è ancora quella degli asintomatici - aggiunge Alessandro Perrella, infettivologo del Cardarelli, componente dell’Unità di crisi - abbiamo aperto le frontiere al mondo e le persone di muovono trasportando inevitabilmente il virus che arriva anche da paesi che non hanno mai praticato il lockdown e che hanno un diverso profilo epidemico. Dobbiamo riflettere ed essere attenti. Esse consapevoli dei rischi e proteggerci. I sintomatici sono pochi e quelli gravi pochissimi rispetto a quello che vedevamo a febbraio o marzo. Del resto una pandemia non è un’emergenza di poco conto. Gli asintomatici sono meno infettivi ma in determinate condizioni legate a maggiore esposizione e a distanza ravvicinata se non non utilizzano la mascherina sono rischiosi”.


NAPOLI
A Napoli i casi positivi in due settimane sono cresciuti di 23 unità passando da 1019 (contati dall’inizio dell’epidemia alla data del 13 luglio) a 1042 (aggiornati a ieri). Di questi gli asintomatici sono 15 mentre 8 presentano sintomi lievi, 14 sono in isolamento domiciliare, 9 invece i ricoverati presso il Covid center dell’ospedale Del Mare, 1 al Cotugno e 1 a Scafati.
La Regione campania è dotata di un “Piano Regionale di potenziamento delle attività diagnostiche dei casi COVID-19 e di screening degli operatori sanitari e della popolazione maggiormente esposta in Regione Campania - Protollo operativo si aggiornamento luglio 2020” che “definisce le modalità operative di screening relative alla pandemia da COVID-19, sulla base delle categorie di seguito identificate”. Tale Piano prevede, tra l’altro, che le Asl, per tutti i soggetti presenti presso gli Istituti penitenziari (dipendenti e detenuti) e per le strutture assimilabili, ricadenti nell’ambito territoriale di propria competenza, provvedono all’esecuzione degli screening con tampone rinofaringeo. L’attività di screening, tramite tampone, è rivolta anche per ogni nuovo detenuto proveniente dall’esterno o da altro Istituto penitenziario. I costi ricadono a carico del Ssr”. L’Asl Napoli 1 Centro, unitamente all’Amministrazione penitenziaria ed alle Direzioni degli Istituti, ha avviato la raccolta delle adesioni volontarie sia dei detenuti che degli operatori. A Nisida si sono già svolti i tamponi: tutti i detenuti hanno aderito e sono 34/34 negativo mentre per il personale sono stati eseguiti 70 tamponi anch’essi urti negativi e le attività proseguiranno attesa la presenza in servizio al ritorno dalle ferie di alcuni di essi. Per gli Istituti di Secondigliano e Poggioreale a breve inizieranno le attività di tamponi iniziando dai detenuti che a mano a mano stanno dichiarano la loro adesione volontaria. Eseguiti anche i tamponi al mattatoio unico presente a Napoli.
 
CAPRI INDENNE DAL VIRUS
La perla del Golfo di Napoli non ha registrato alcun contagio secondario dal fugace transito di un gruppo di turisti romani e risulta una delle più zone sicure della Campania anche grazie al protocollo d’intesa “Capri sicura” siglato dalla Asl Napoli 1 in sintonia con le amministrazioni di Capri e Anacapri unitamente unitamente a FederAlberghi (associazione degli albergatori capresi) e ATEX (settore extra alberghiero e del suo indotto) - un protocollo di sicurezza che assegna ruoli e procedure finalizzate alla tutela della sicurezza della cittadinanza e degli ospiti dell’Isola di Capri. Sull’Isola è inoltre presente H24 un responsabile del dipartimento di Prevenzione grazie al quale ogni caso sospetto può essere trattato in maniera tempestiva in caso di sospetto Covid-19.L’ASL Napoli 1 Centro ha anche messo a disposizione il numero verde 800-90.96.99 presidiato h24 e registrato. Attraverso questo numero è possibile attivare la “procedura sospetto Covid-19”. In dettaglio: l’addetto al numero verde allerta l’ospedale Capilupi dal quale un infermiere (nei tempi che rispettano la disponibilità e le attività in corso presso la struttura sanitaria) si reca sul luogo ove è isolato l’ospite dichiarato “caso sospetto”.
 
Gli operatori sanitari sono dotati di DPI a cura dell’ASL Napoli 1 Centro. L’operatore sanitario procede al prelievo di sangue necessario al test sierologico e al tampone oro-faringeo che sono processati rispettivamente al Capilupi e presso il laboratorio del presidio ospedaliero San Paolo. In caso di positività il paziente viene immediatamente trasferito a cura e sotto il coordinamento del Servizio 118 Napoli 1, sempre con utilizzo di tutti i mezzi necessari a contenere il diffondersi del virus, finanche con utilizzo di barelle di biocontenimento di cui il Capilupi è dotato.
 
Ettore Mautone

31 luglio 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy