Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 19 MAGGIO 2021
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Vaccino Covid. Emilia Romagna, la Regione permette alle aziende l’immunizzazione in sede dei lavoratori a prescindere dall’età


Proprio oggi è previsto un vertice tra l’assessore Donini, quello alle Attività produttive Vincenzo Colla e le associazioni di categoria che aderiscono al patto per il lavoro. Obiettivo dell’incontro cominciare a mettere nero su bianco un protocollo regionale sulle vaccinazioni in azienda, “alla luce delle disponibilità pervenute sia da aziende pubbliche che, soprattutto, private”.

04 MAG - L’Emilia Romagna fa “il pieno” di vaccini a maggio per completare l’immunizzazione delle categorie più fragili, ma guarda già alle vaccinazioni in azienda, dove le imprese potranno immunizzare i loro addetti a prescindere dalla loro età. Proprio oggi è previsto un vertice tra l’assessore alla Sanità Raffaele Donini, quello alle Attività produttive Vincenzo Colla e le associazioni di categoria che aderiscono al patto per il lavoro. Obiettivo dell’incontro cominciare a mettere nero su bianco un protocollo regionale sulle vaccinazioni in azienda, “alla luce delle disponibilità pervenute sia da aziende pubbliche che, soprattutto, private”, come spiega stamane in commissione il sottosegretario alla presidenza della Regione Davide Baruffi.

A breve dunque verranno definite sia “modalità e platee vaccinabili che anche le modalità operative” da mettere in campo per la somministrazione di vaccini anti-Covid nelle aziende. “Per noi - sottolinea Baruffi - è un valore straordinario poter attivare tutte le aziende del territorio che vogliono e possono dare una mano, appena il commissario e il ministero ci autorizzeranno ad aprire in modo orizzontale, a quindi a tutte le classi d’età, per non caricare le imprese di difficoltà ulteriori”. Si vuole impedire, insomma, che le imprese siano costrette a selezionare il loro personale che può essere vaccinato a seconda dell’età dei singoli dipendenti. “In un tessuto come il nostro - sottolinea ancora Baruffi - le imprese possono davvero fare la differenza in questo passaggio decisivo, cioè dalle categorie più vulnerabili alla totalità della popolazione”.


Ma le novità illustrate dalla giunta non sono sufficienti per la forzista Valentina Castaldini, che aveva avanzato l’interrogazione sull’argomento. “Finalmente ci sarà un tavolo sulle vaccinazioni in azienda, siamo però molto in ritardo perché in luoghi come la Fiera di Bologna tra poco si tornerà a fare altro”. La forzista aveva sollecitato una accelerazione sui vaccini in azienda anche perché in particolare dal prossimo autunno in luoghi come fiere e palazzetti, oggi utilizzati come hub vaccinali, si potrà tornare a svolgere le normali attività.

04 maggio 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy