Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 04 FEBBRAIO 2023
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Genomica. Oms: “Non può esere appannaggio dei soli paesi ricchi”


Un nuovo rapporto chiede di ampliare l'accesso alle tecnologie genomiche, in particolare nei paesi a basso e medio reddito, affrontando le carenze di finanziamenti, infrastrutture di laboratorio, materiali e personale altamente qualificato: “Non è giustificabile eticamente o scientificamente che i paesi con meno risorse ottengano l'accesso a tali tecnologie molto tempo dopo dei paesi ricchi”. IL RAPPORTO.

12 LUG -

Il Consiglio scientifico dell'OMS di esperti ha pubblicato il suo primo rapporto sull'accelerazione dell'accesso alla genomica per la salute globale. Il rapporto sostiene che non è giustificabile eticamente o scientificamente che i paesi con meno risorse ottengano l'accesso a tali tecnologie molto tempo dopo dei paesi ricchi.

Il rapporto chiede di ampliare l'accesso alle tecnologie genomiche, in particolare nei paesi a basso e medio reddito (LMIC), affrontando le carenze di finanziamenti, infrastrutture di laboratorio, materiali e personale altamente qualificato. 

Sebbene i costi per la creazione e l'espansione delle tecnologie genomiche stiano diminuendo, secondo l’Oms essi possono e debbono essere ulteriormente ridotti. 

In proposito l’Oms ricorda che è stata sviluppata una gamma di strumenti per rendere le tecnologie genomiche più convenienti, tra questi la tariffazione differenziata; la condivisione dei diritti di proprietà intellettuale per le versioni a basso costo e le sovvenzioni incrociate, per cui i profitti in un'area vengono utilizzati per finanziarne un'altra. 

"Le tecnologie genomiche stanno guidando alcune delle ricerche più rivoluzionarie in corso oggi. Tuttavia, i vantaggi di questi strumenti non saranno pienamente realizzati a meno che non siano distribuiti in tutto il mondo. Solo attraverso l'equità la scienza può raggiungere il suo pieno potenziale impatto e migliorare la salute di tutti, ovunque ", ha affermato la dott.ssa Soumya Swaminathan, scienziato capo dell'OMS che ha sottoineato come "attraverso la riunione e il coordinamento delle menti più importanti del mondo, come facciamo attraverso il nostro Consiglio scientifico, l'OMS funga da motore globale di analisi per affrontare le sfide sanitarie più urgenti del mondo".

Composto da 9 eminenti scienziati ed esperti di salute pubblica di tutto il mondo, il Consiglio della scienza è stato istituito nell'aprile 2021 dal direttore generale dell'OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus, quale organo di consulenza su questioni ad alta priorità e progressi nella scienza e nella tecnologia che potrebbero migliorare direttamente il livello globale della salute. 

Il Science Council ha individuato nella genomica il focus del suo primo studio, date le significative implicazioni per la salute pubblica; i suoi numerosi usi di successo nell'affrontare malattie infettive, tumori e altre malattie croniche e per le nuove opportunità offerte per implementare tecnologie costose, anche nei LMIC.  

Per promuovere l'adozione o l'uso esteso della genomica, le raccomandazioni del rapporto affrontano quattro temi: advocacy, implementazione, collaborazione e questioni etiche, legali e sociali associate: 

Per portare avanti le raccomandazioni e monitorarne le applicazioni in tutte e quattro le aree principali, il rapporto raccomanda anche all'OMS di creare un comitato di genomica. Una responsabilità chiave proposta per il Comitato Genomica è quella di convocare le aziende per sviluppare e implementare modalità per rendere i prodotti e le tecnologie accessibili nei LMIC. 

Il rapporto segue il rilascio della strategia decennale dell'OMS per la sorveglianza genomica dei patogeni. La sorveglianza genomica ha svolto un ruolo cruciale nella risposta globale al COVID-19, con paesi come il Sudafrica in grado di dare un contributo cruciale nel rilevamento delle varianti, grazie alle loro capacità in quest'area. 

Dati recenti dell'OMS mostrano che la percentuale di paesi in grado di condurre la sorveglianza genomica è aumentata dal 54% al 68% tra marzo 2021 e gennaio 2022, a causa degli importanti investimenti effettuati durante la pandemia di COVID-19. 



12 luglio 2022
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Il rapporto

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy