Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 07 DICEMBRE 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Quarta dose. Arriva l’ok di Ema ed Ecdc per tutti gli over 60 e per i fragili a prescindere dall’età


"Chiedo agli Stati membri di lanciare immediatamente un secondo richiamo per tutti coloro che hanno più di 60 anni e tutte le persone vulnerabili e esorto tutti coloro che hanno diritto a farsi avanti e vaccinarsi. È così che proteggiamo noi stessi, i nostri cari e le nostre popolazioni vulnerabili”, ha detto Stella Kyriakides, Commissario europeo per la Salute e la sicurezza alimentare. Al momento non ci sono invece prove chiare a sostegno della somministrazione di un secondo booster a persone under 60 non a rischio di malattie gravi. Né per un secondo richiamo precoce agli operatori sanitari o a coloro che lavorano in case di cura a lungo termine a meno che non siano ad alto rischio.

11 LUG -

Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) e l'Agenzia europea per i medicinali (EMA) hanno stilato oggi l'attesa raccomandazione ai Governi nazionali europei per prendere in considerazione una seconda dose di richiamo dei vaccini COVID-19 per le persone tra i 60 e i 79 anni e per le persone con condizioni mediche che le mettono ad alto rischio di grave malattia a prescindere dall'età.

Nell'aprile 2022, entrambe le agenzie avevano raccomandato che le persone di età superiore agli 80 anni fossero prese in considerazione per un secondo richiamo. Tuttavia, le agenzie hanno rilevato che potrebbe essere necessario prendere in considerazione un secondo richiamo nelle persone tra i 60 ei 79 anni e nelle persone vulnerabili di qualsiasi età in caso di recrudescenza delle infezioni.

“Poiché in Europa, scrivono in una nota le due agenzie, è attualmente in corso una nuova ondata, con tassi crescenti di ricoveri in ospedale e in unità di terapia intensiva, è fondamentale che le autorità sanitarie pubbliche ora considerino le persone tra i 60 ei 79 anni, nonché le persone vulnerabili di qualsiasi età per un secondo richiamo”.

I vaccini, spiegano Ema ed Ecdc nella loro raccomandazione, potrebbero essere somministrati almeno quattro mesi dopo la precedente vaccinazione, con particolare attenzione alle persone che hanno ricevuto un richiamo precedente più di 6 mesi prima.


Ema ed Ecdc rimarcano poi che “i vaccini attualmente autorizzati continuano a essere altamente efficaci nel ridurre i ricoveri ospedalieri per COVID-19, le malattie gravi e i decessi nel contesto delle varianti emergenti di SARS-CoV-2”.

Stella Kyriakides, Commissario europeo per la Salute e la sicurezza alimentare, ha affermato che "i nostri vaccini COVID-19 funzionano e offrono buoni livelli di protezione contro malattie gravi e ricoveri in ospedale. Con i casi e i ricoveri in aumento mentre entriamo nel periodo estivo, esorto tutti a vaccinarsi e potenziarsi il prima possibile. Non c'è tempo da perdere”.

"Chiedo agli Stati membri di lanciare immediatamente un secondo richiamo per tutti coloro che hanno più di 60 anni e tutte le persone vulnerabili e esorto tutti coloro che hanno diritto a farsi avanti e vaccinarsi. È così che proteggiamo noi stessi, i nostri cari e le nostre popolazioni vulnerabili”, ha detto ancora la Commissaria UE.

"Attualmente stiamo assistendo a un aumento dei tassi di notifica dei casi di COVID-19 e una tendenza all'aumento dei ricoveri e dell'occupazione in ospedale e in terapia intensiva in diversi paesi, principalmente a causa della sottolinea BA 5 di Omicron", ha affermato la dott.ssa Andrea Ammon, direttore dell'ECDC, aggiungendo che "questo segnala l'inizio di una nuova ondata diffusa di COVID-19 in tutta l'Unione europea. Ci sono ancora troppe persone a rischio di grave infezione da COVID-19 che dobbiamo proteggere il prima possibile. Dobbiamo ricordare alle persone l'importanza della vaccinazione dal primo colpo al secondo richiamo. Dobbiamo iniziare oggi.

"Ci aspettiamo che gli adulti di età pari o superiore a 60 anni e le popolazioni vulnerabili dal punto di vista medico avranno bisogno di una seconda dose di richiamo. Questi sono i gruppi più a rischio di malattie gravi e dare un secondo richiamo a quei gruppi ora eviterà un numero significativo di ricoveri e decessi per COVID-19", ha detro ancora l'esponenente dell'Ecdc.

“Sono consapevole che per raggiungere questo obiettivo è necessario uno sforzo significativo da parte delle autorità sanitarie pubbliche e della società in generale. Ma ora all'inizio di una nuova ondata è il momento di fare lo sforzo extra. Abbiamo diversi vaccini sicuri ed efficaci disponibili e ogni singola infezione da COVID-19 prevenuta ora è una potenziale vita salvata", ha concluso Ammon.

Secondi booster nella popolazione più ampia
Al momento, rilevano le due agenzie, non ci sono prove chiare a sostegno della somministrazione di una seconda dose di richiamo a persone di età inferiore ai 60 anni che non sono a maggior rischio di malattie gravi. Né ci sono prove chiare a sostegno della concessione di un secondo richiamo precoce agli operatori sanitari o a coloro che lavorano in case di cura a lungo termine a meno che non siano ad alto rischio.

Tuttavia, è probabile che i residenti nelle case di cura per anziani siano a rischio di malattia grave e dovrebbero essere presi in considerazione per dosi di richiamo in linea con le raccomandazioni nazionali.

L'ECDC e l'EMA hanno poi invitato le autorità sanitarie pubbliche in tutta l'UE a pianificare ulteriori richiami durante le stagioni autunnali e invernali per le persone a più alto rischio di malattie gravi, possibilmente combinando le vaccinazioni contro il COVID-19 con quelle contro l'influenza.

Vaccini adattati
L'ultimo consiglio dell'ECDC/EMA arriva nel mezzo del lavoro per adattare i vaccini alle varianti Omicron in questione.
"Stiamo lavorando per una possibile approvazione di vaccini adattati a settembre", ha affermato il direttore esecutivo dell'EMA, Emer Cooke, osservando che "il nostro comitato per i medicinali per uso umano sta attualmente rivedendo i dati per due vaccini adattati".

"Nel frattempo, è importante considerare l'utilizzo di vaccini attualmente autorizzati come secondo richiamo nelle persone più vulnerabili. I vaccini autorizzati nell'UE continuano a essere efficaci nel prevenire ricoveri, malattie gravi e decessi per COVID-19, anche se continuano ad emergere nuove varianti e sottovarianti", ha detto ancora Cooke aggiungendo che "le autorità dell'UE stanno lavorando a stretto contatto con l'Organizzazione mondiale della sanità e i partner internazionali sulle politiche relative ai vaccini adattati".



11 luglio 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy