Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 19 APRILE 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Polmoni: il follow up degli screening può comportare complicanze

di Lisa Rapaport

Uno studio statunitense ha fatto emergere come gli esami di follow up dello screening per il tumore al polmone possano, soprattutto nei pazienti più anziani, originare complicanze. Per questo è fondamentale selezionare i pazienti in base al rischio e all’età, che non dovrebbe superare i 69 anni

15 GEN - (Reuters Health) – Gli esami di follow-up invasivi, effettuati per approfondire le anomalie riscontrate negli screening per tumore al polmone, potrebbero produrre maggiori complicanze e aumentare i costi sanitari rispetto a quanto generalmente stimato dai medici. È quanto sostiene uno studio statunitense pubblicato da JAMA Internal Medicine.

Lo studio
Il team di ricercatori guidato da Ya-Chen Tina Shih, dello University of Texas Anderson Cancer Center di Houston, ha esaminato i dati a livello nazionale di 344.510 pazienti, di età compresa tra i 55 e i 77 anni, che il 2008 e il 2013 si sono sottoposti a procedure diagnostiche invasive per il sospetto di un tumore al polmone.

Nel complesso, circa il 22% dei pazienti sotto i 65 anni e quasi il 24% di quelli con un’età più avanzata ha presentato complicanze dopo gli esami di follow up.

I tassi di complicanze sono risultati doppi rispetto a quelli segnalati nello studio pivotale – condotto negli USA nel 2011 – sullo screening del tumore al polmone effettuato con Tc a basso dosaggio, sulla base del quale sono state redatte le attuali raccomandazioni in termini di screening.
I tassi di complicanze nello studio oscillano da circa il 19% dopo le agobiopsie, al 52% dopo un esame caratterizzata da un’incisione chirurgica.
I costi delle complicanze sono compresi in un range che va dai 6.320 dollari ai 56.845 dollari, in base a gravità, età del paziente e tipo di procedura di follow-up.

I commenti
“Considerate le probabili complicanze dopo gli esami di follow-up, i pazienti, si dovrebbe tener conto degli eventuali benefici di uno screening invasivo”, dice Mark Ebell, ricercatore presso la University of Georgia di Athens non coinvolto nello studio. “I pazienti che possono beneficiare maggiormente da questo tipo di screening sono i fumatori di età compresa tra i 60 e i 69 anni”.

 
Fonte: JAMA Internal Medicine, online 14 gennaio 2019
Lisa Rapaport
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

15 gennaio 2019
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy