Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 23 MARZO 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Medicina generale. Fimmg: “Riaprire trattativa su Acn”. E su Dl Semplificazione: “Sciopero se non si rispettano i tempi per accesso giovani”. Bocciata la Governance sul farmaco

Il Consiglio nazionale del sindacato dei medici di famiglia ritiene “urgente riaprire i tavoli di trattativa per il rinnovo della convenzione”. Inoltre sul Dl Semplificazione si dice “pronto a iniziative sindacali se non rispettato il termine dei 60 giorni su accesso giovani medici a Convenzione. Delusi da mancato stralcio Medicina penitenziaria ed Emergenza da Acn”. Bocciate le nuove linee guida sul settore del farmaco: “Medici non coinvolti”.

15 DIC - “La FIMMG è pronta ad avviare iniziative sindacali se non verrà rispettato il termine di 60 giorni previsto dal decreto semplificazione per la definizione dei criteri applicativi dell’art. 9” sull’accesso alla Convenzione dei medici in formazione”. E’ quanto prevede la mozione approvata all’unanimità oggi a Roma dal Consiglio nazionale della Federazione.
 
FIMMG ritiene indispensabile l’apertura di una discussione “che riconosca da subito gli incrementi sugli emolumenti dei MMG, in termini di remunerazione mensili già ottenuti fino al 2017 come arretrato, e apra in successione la discussione contrattuale sul cambiamento della Medicina Generale per il pieno riconoscimento economico in termini incrementali e di arretrato per tutto il 2018”.
 
Il Consiglio Nazionale della Fimmg ha dato mandato poi al Presidente Nazionale, alla scadenza dei 60 giorni, di indire una nuova convocazione “per definire in urgenza le iniziative sindacali di protesta, fino allo stato di agitazione e lo sciopero, in assenza di indirizzi in tal senso e di risposta e convocazione dalla parte delle Regioni attraverso la SISAC”.

 
La FIMMG esprime inoltre “disappunto per non aver definito, come appariva in prima stesura, la modifica all’art. 8” sulle Convenzioni “riguardante la determinazione di un percorso specifico contrattuale e formativo per l’Emergenza territoriale e la Medicina Penitenziaria mantenendole però nell’ambito dell’ACN per la Medicina Generale”.
 
Richiama anche “attenzione e disponibilità della Fnomceo, in presenza del Presidente Filippo Anelli, perché si apra immediatamente un confronto con il Ministero rispetto ai fabbisogni dell’area della Medicina Penitenziaria, considerata la particolarità della popolazione assistita, privata dalla libertà di scelta individuale ma non del diritto costituzionale alla tutela della salute, anche in considerazione della carenza di professionisti medici che come ovvio si verificherà prima sui settori meno attrattivi per i professionisti”.
 
Il Consiglio nazionale della FIMMG ha infine espresso dissenso sul “documento in materia di Governance farmaceutica considerandolo come un modello di “government” dei professionisti camuffato da Governance per la sola partecipazione dei cittadini e in assenza di un coinvolgimento degli unici responsabili, i medici, dell’allineamento tra prescrizione, appropriatezza e sostenibilità nell’interesse della salute dei pazienti”.

15 dicembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy