Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 26 SETTEMBRE 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Cancro al seno. Terapie più efficaci se le donne sono ben informate dall’oncologo

di Larry Hand

Secondo quanto rilevato da alcuni ricercatori americani del Michigan e pubblicato su Jama Oncology, è fondamentale che le pazienti conoscano i rischi che incontreranno col trattamento chirurgico, per poter partecipare attivamente alle decisioni e devono comprendere appieno le informazioni più complesse di questo rischio.

25 FEB - (Reuters Health) – Le donne con cancro al seno che non consultano un oncologo prima o dopo l'intervento chirurgico, hanno una scarsa informazione nella gestione terapeutica della malattia, a loro svantaggio. È quanto emerge da uno studio condotto dal team di ricerca di Reshma Jagsi della University of Michigan Ann Arbor. "In molti casi, una paziente informata può svolgere un ruolo importante nella scelta del piano di gestione del tumore più giusto per le proprie esigenze personali," ha detto l’autore della ricerca Reshma Jagsi. " È fondamentale che le pazienti conoscano i rischi che incontreranno col trattamento chirurgico per poter partecipare attivamente alle decisioni e devono comprendere appieno le informazioni più complesse di questo rischio. La maggior parte dei medici non è formata per dare per comunicare chiaramente le informazioni sui rischi alle pazienti" ha detto Jagsi.
 
Lo studio
Per la loro indagine Jagsi e colleghi hanno inviato un questionario a 750 medici oncologi e a 750 chirurghi selezionati casualmente dal database American Medical Association Masterfile. Le domande erano basate su una vignetta di una donna, di 45 anni, che si presenta al medico con un cancro al seno ER-positivo o PR -positivo, o ERBB2-negativo che ha scelto di sottoporsi a una lumpectomia. Gli intervistati hanno dichiarato nel questionario di aver discusso i rischi dell’intervento i rischi utilizzando i calcolatori online, come AdjuvantOnline, e di aver consigliato le pazienti con previsioni di rischio numeriche come "rischio a 10 anni di recidiva". In un'altra domanda inclusa nel questionario, si chiedeva se sono stati utilizzati termini descrittivi come "bassa probabilità" o "ad alto rischio", e in un’altra ancora si chiedeva se il medico avesse dato ai pazienti un referto con i numeri di rischio effettivo da portare a casa. Gli intervistati hanno inoltre descritto le proprie caratteristiche personali e quelle della loro pratica clinica come, da quanti anni risiedevano nello stesso ambulatorio, i numeri di casi visitati nello stesso giorno e la disponibilità quotidiana per le visite di nuove pazienti con cancro al seno.
 
I risultati
In totale, hanno risposto ai questionari , 498 chirurghi (66,4%) e 398 medici oncologi (53%) , da cui sono stati esclusi 95 chirurghi e 35 oncologi che non hanno visto pazienti con cancro al seno. Si è così evidenziato che la maggior parte degli oncologi (84%) e dei chirurghi (85%) hanno riferito le informazioni sul rischio utilizzando termini verbali. La maggior parte degli oncologi (76%) utilizzando calcolatori di rischio online, rispetto al 24% dei chirurghi; l’88% degli oncologi ha discusso col paziente con le stime di rischio numeriche contro il 47% dei chirurghi. Infine, il 71% degli oncologi ha dato ai pazienti copie dei numeri di rischio, rispetto al 17% dei chirurghi. "I medici che offrono nello stesso giorno più appuntamenti multispecialistici, sono stati più propensi a usare i calcolatori di rischio o discutere col paziente utilizzando stime di rischio numeriche", scrivono i ricercatori.
 
"Data la mancanza di una formazione coerente e uniforme di professionisti medici in modo migliore per comunicare informazioni di rischio complesse, la pratica può variare in base alle esperienze personali, la cultura della propria specialità, o per altri fattori", ha detto Jagsi ribadendo l’importanza della condivisione delle informazioni sui rischi da parte del paziente. Brian J. Zikmund-Fisher della University of Michigan School of Public Health, (Ann Arbor) primo autore dell’articolo ha detto "Siamo stati lieti di vedere che la maggior parte dei medici oncologi ha riportato non solo l’utilizzo dei calcolatori di rischio ma che ne abbia condiviso con le pazienti le stime, ciò che ci ha sorpreso di più è stato come pochi chirurghi abbiano riferito di fare lo stesso ".
"Vale la pena notare che abbiamo trovato un'associazione anche tra le diverse pratiche multispecialistiche quando il medico fornisce ai pazienti delle stime di rischio numeriche," ha continuato Zikmund-Fisher . “Lo stesso si è verificato nei medici che vedono più pazienti l’anno con cancro al seno”. E ha concluso prospettando la necessità di avere strumenti di informazione più aggiornati per i medici che possono essere addestrati meglio al counselling dei pazienti, a diposizione anche nelle cliniche dove si eseguono gli interventi, in modo che, medici e pazienti, possano condividere più informazioni possibili sui rischi di un trattamento chirurgico.


Fonte: JAMA Oncol 2016

Larry Hand

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science) 

25 febbraio 2016
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy