Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 29 NOVEMBRE 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Diabete. Livelli HbA1c dopo un ictus indicano rischio di evento vascolare successivo

di Marilynn Larkin

Nei pazienti diabetici che hanno subito un ictus ischemico e sono stati ricoverati, i livelli di HbA1c al momento del ricovero“predicono” il rischio che si possa manifestare un secondo evento vascolare. L’evidenza emerge da un ampio studio coreano pubblicato da Neurology.

06 OTT - (Reuters Health) – Nei pazienti con diabete che hanno subito un ictus ischemico, i livelli di HbA1c al momento del ricovero sono associati al successivo rischio di eventi vascolari. È quanto ha osservato uno studio coreano guidato da Jun Young Chang, dell’Asan Medical Center di Seul, e pubblicato da Neurology.

Il team di Chang ha analizzato dati relativi a 18.567 pazienti diabetici che hanno sofferto di un attacco ischemico transitorio o di un ictus ischemico acuto entro sette giorni dall’insorgenza dei sintomi. A un anno di follow-up, 1,437 pazienti, circa l’8%, avevano avuto un infarto o erano morti per malattie vascolari e 954, il 5%, avevano avuto un altro ictus.

Dall’analisi è emerso che il rischio aumentava significativamente a una soglia di HbA1c del 6,8-7%, rispetto a una soglia inferiore al 6%. Dopo aver ‘aggiustato’ i dati, il rischio dei partecipanti di andare incontro a infarto o altre malattie vascolari era maggiore del 27%, quando i pazienti ricoverati avevano livelli di HbA1c superiori al 7%, rispetto ai pazienti con livelli inferiori al 6,5%. Il rischio di subire un altro ictus era maggiore del 28%, inoltre, quando i ricoverati avevano livelli di HbA1c superiori al 7%, rispetto a quelli con valore inferiore a 6,5%.

L’influenza del livello di HbA1c al ricovero sul rischio di eventi vascolari era particolarmente pronunciata tra i pazienti con una glicemia a digiuno al momento del ricovero di 130 mg/dL o meno. “La discordanza tra HbA1c e glicemia a digiuno è stata riscontrata in quasi il 25% dei pazienti con diabete di tipo 2 e l’età avanzata, l’indice di massa corporea, il sesso maschile, il fegato grasso e una storia prolungata di diabete erano associati a un’elevata glicemia a digiuno e normali valori di HbA1c, per cui l’aumento del rischio cardiovascolare tra i pazienti con questa discordanza potrebbe essere attribuito a queste caratteristiche”, spiega Chang.

Gli intervalli ottimali di HbA1c associati a rischi minimi per eventi vascolari erano più bassi per il sottotipo da occlusione dei piccoli vasi (6,6), rispetto all’aterosclerosi delle grandi arterie (7,3) o al sottotipo cardioembolico (7,4). “Dal momento che il target glicemico può essere diverso a seconda del sottotipo di ictus ischemico, potrebbe essere necessario un approccio individualizzato per pianificare il controllo glicemico in ciascun paziente”, conclude Chang.

Fonte: Neurology

Marilynn Larkin

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

06 ottobre 2021
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy