Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 08 DICEMBRE 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Covid. Dopo settimane di calo i contagi tornano ad aumentare a livello globale. L’inversione di tendenza dovuta soprattutto al forte incremento di casi nei Paesi orientali e nelle Americhe


Il numero di nuovi casi settimanali segnalati è invece diminuito in tre delle sei regioni dell'OMS la Regione Europea (-21%), la Regione del Mediterraneo Orientale (-12%) e la Regione Africana (-8%). A riportare il segno più nel trend globale sono stati i forti incrementi registrati nelel altre Regioni OMS: Regione del Pacifico Occidentale (+18%), Regione del Sud-Est Asiatico (+15%) e Regione delle Americhe (+12%). IL BOLLETTINO OMS.

17 NOV -

Dopo settimane di calo dei contagi a livello globale il Covid torna a crescere, con un incremento complessivo del 2% durante la settimana dal 7 al 13 novembre 2022 rispetto alla settimana precedente. I casi segnalati sono in tutto il mondo oltre 2,3 milioni.

Un numero che, avverte l’Oms nel suo ultimo bollettino epidemiologico, è comunque sottostimato a causa del calo dei test a livello globale.

Il numero di nuovi decessi settimanali è invece diminuito del 30% rispetto alla settimana precedente, con oltre 7.400 decessi segnalati.

Al 13 novembre 2022 sono stati segnalati a livello globale oltre 632 milioni di casi confermati e oltre 6,5 milioni di decessi.

A livello regionale, il numero di nuovi casi settimanali segnalati è diminuito in tre delle sei regioni dell'OMS: la Regione Europea (-21%), la Regione del Mediterraneo Orientale (-12%) e la Regione Africana (-8%); mentre è aumentato nella Regione del Pacifico Occidentale (+18%), nella Regione del Sud-Est Asiatico (+15%) e nella Regione delle Americhe (+12%).

Il numero di nuovi decessi settimanali è diminuito in quattro regioni: la Regione Africana (-86%), la Regione del Sud Est Asiatico (-80%), la Regione Europea (-41%) e la Regione delle Americhe (-10%); mentre è aumentato nella regione del Pacifico occidentale (+14%) e nel Mediterraneo orientale (+7%).

A livello nazionale, il numero più alto in valori assoluti di nuovi casi settimanali è stato segnalato dal Giappone (503.766 nuovi casi; +25%), Repubblica di Corea (355.990 nuovi casi; +19%), Stati Uniti d'America (281.955 nuovi casi; +6%), Germania (184.987 nuovi casi; -25%) e Cina (171.745 nuovi casi; -22%).

I numeri più alti di nuovi decessi settimanali sono stati segnalati dagli Stati Uniti d'America (2.323 nuovi decessi; -6%), Giappone (552 nuovi decessi;

+41%), Federazione Russa (436 nuovi decessi; -10%), Cina (410 nuovi decessi; -24%) e Francia (390 nuovi decessi; -10%).

Regione Europea

La Regione Europea ha segnalato poco meno di 697.000 nuovi casi, con una diminuzione del 21% rispetto alla settimana precedente.

Cinque (8%) dei 61 paesi per i quali i dati sono disponibili hanno segnalato aumenti nei nuovi casi del 20% o più, con gli aumenti proporzionali più alti osservati nella Macedonia del Nord (196 vs 71 nuovi casi; +176%), Andorra (76 vs 53 nuovi casi; +43%) e Monaco (66 vs 50 nuovi casi nuovi casi; +32%).

Il numero più alto di nuovi casi in valori assoluti è stato segnalato da Germania (184.987 nuovi casi; 222,4 nuovi casi per 100.000; -25%), Francia (151.950 nuovi casi; 233,6 nuovi casi ogni 100.000; -1%) e Italia (126.180 nuovi casi; 211,6 nuovi casi ogni 100.000; -24%).

Il numero di nuovi decessi settimanali nella regione è diminuito del 41% rispetto alla settimana precedente, con 2341 nuovi decessi segnalati.

Il più alto numero di nuovi decessi è stato segnalato dalla Federazione Russa (436 nuovi deceduti; <1 nuovo decesso ogni 100.000; -10%), Francia (390 nuovi decessi; <1 nuovo morte per 100.000; -10%), e Italia (330 nuovi decessi; <1 nuovo decesso per 100.000; -40%).



17 novembre 2022
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy