Quotidiano on line
di informazione sanitaria
23 GENNAIO 2022
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Vaccini Covid. FarmacieUnite: “Troppi farmacisti non ancora vaccinati e senza una data certa”


L’associazione chiede di "pianificare una data, comunicarla agli interessati e mantenere la promessa”. Evidenziando come “le farmacie sono tra i pochissimi esercizi pubblici che sono stati e devono rimanere sempre aperti, non c’è lockdown, colorazione di regione o malattia che valga; i farmacisti sono a contatto quotidiano con oltre tre milioni di cittadini e non esiste, ovviamente, lo smart working”.

16 FEB - È partita da oltre 1 mese la campagna di vaccinazione. Gli operatori sanitari sono stati i primi ad essere tutelati. Ma ancora oggi troppi farmacisti non ancora vaccinati. Lo denuncia, in una nota, l’associazione FarmacieUnite. “Non si sa bene in quale categoria rientrino i circa 70.000 farmacisti, ma pare che per alcune regioni o ASL o USL che dir si voglia, siano fantasmi e ad oggi non sono stati inseriti nell’elenco di chi a breve si debba vaccinare. Passati dalla fase 1 alla fase 2 senza colpo ferire”.

“Eppure, le farmacie - evidenzia l’associazione - sono tra i pochissimi esercizi pubblici che sono stati e devono rimanere sempre aperti, non c’è lockdown, colorazione di regione o malattia che valga; i farmacisti sono a contatto quotidiano con oltre tre milioni di cittadini e non esiste, ovviamente, lo smart working. I Farmacisti effettuano servizio al banco e consegne a domicilio ai malati Covid-19 che non possono uscire di casa”.

FarmacieUnite fa nota anche come la farmacia sia anche protagonista della campagna vaccinale, dal momento che in alcune Regioni è già oggi possibile prenotare in farmacia la vaccinazione degli ultraottantenni. “E forse anche vaccinarsi dai farmacisti non vaccinati”


L’associazione rivendica il ruolo avuto da farmacisti e chiede che anche per sia corrisposta l’attenzione che meritano: "Meno di un anno fa quando l’ordine era “stiamo a casa”, i farmacisti, insieme a infermieri e dottori uscivano per aprire la farmacia, erano tra i protagonisti della resistenza alla diffusione al Covid-19. Ora, in molte parti del territorio italiano, semplicemente dimenticati. Non si tratta di avere precedenza su altri - prima i farmacisti! – o di una lamentela piagnucolosa, ma ci sono percentuali che motivano a qualche ragionevole sospetto: troppi vaccini effettuati a persone che non hanno motivo ad una priorità, che probabilmente fanno smart working o non incontrano quotidianamente cittadini potenzialmente infetti”.

“Come associazione di farmacie - conclude la nota di FarmacieUnite - raccogliamo tutti i giorni testimonianze di colleghi che non sanno quando saranno vaccinati, chiediamo una data per il loro vaccino ma otteniamo risposte evasive. La richiesta è semplice: si chiede di pianificare una data, comunicarla agli interessati e mantenere la promessa. Ma forse si chiede troppo”.

16 febbraio 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy