Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 06 FEBBRAIO 2023
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Donazione sangue. Bristol Myers Squibb: “Dedichiamo due giorni per sostenere la Croce Rossa italiana e aiutare la comunità”


Il 19 e 20 ottobre l’autoemoteca a Roma in Piazzale dell’Industria. Emma Charles, General Manager BMS Italia: “L’iniziativa è rivolta ai nostri colleghi e a tutti i cittadini che avranno l’opportunità di donare il sangue. È un atto di solidarietà, che ci avvicina alla collettività e ai pazienti che hanno bisogno delle trasfusioni per vivere”.

19 OTT -

Bristol Myers Squibb dedica due giornate alla donazione di sangue: i volontari possono compiere questo atto di generosità nell’autoemoteca donata da BMS alla Croce Rossa Italiana. L’iniziativa, che si svolge il 19 e 20 ottobre a Roma in Piazzale dell’Industria, è parte della campagna nazionale della Croce Rossa Italiana “Dona che ti torna”, realizzata con il contributo non condizionato di Bristol Myers Squibb, per sensibilizzare sulla donazione di sangue. Nel 2021 i donatori sono stati oltre un milione e 650mila (1.653.268), in aumento rispetto al 2020. Ma questa cifra è ancora inferiore rispetto al periodo pre-Covid (-1,8% in confronto al 2019).

Si conferma cioè la tendenza al ribasso che dura ormai da dieci anni. Rispetto al 2012 la popolazione dei donatori è diminuita di circa il 5% e i nuovi donatori di quasi il 10% (-9,6%). Non solo. I numeri sottolineano il progressivo invecchiamento di chi sceglie di compiere questo atto di generosità, a cui non fa da contraltare un adeguato ricambio generazionale. I nuovi donatori under 45 sono diminuiti del 24% in 10 anni. 

“La donazione è importante, il nostro sangue si rigenera e conferisce nuova linfa all’organismo, mentre per quello raccolto inizia un percorso nuovo e torna in movimento per raggiungere chi ne ha più bisogno grazie alla generosità dei donatori volontari – afferma Emma Charles, General Manager Bristol Myers Squibb Italia -. Quest’anno l’iniziativa è rivolta non solo ai dipendenti della sede di BMS a Roma, ma anche ai cittadini che abitano nei pressi del nostro ufficio in Piazzale dell’Industria e a chiunque in Italia voglia recarsi nella sede della Croce Rossa più vicina. In questo modo i dipendenti di Bristol Myers Squibb concretizzano i valori dell’azienda. La donazione di sangue è un atto di forte responsabilità, che permette di essere vicini alla collettività e ai pazienti che hanno bisogno delle trasfusioni per vivere. Da azienda biofarmaceutica leader a livello mondiale, siamo consapevoli della nostra responsabilità di prenderci cura della salute dei pazienti, dei dipendenti e della comunità. Per il secondo anno consecutivo, sosteniamo la campagna ‘Dona che Ti Torna’ di Croce Rossa Italiana per continuare a promuovere la diffusione della cultura della donazione su tutto il territorio. Siamo orgogliosi di poter realizzare collaborazioni di valore con il mondo del volontariato”. 

La pandemia da SARS-CoV-2 ha colpito duramente il sistema trasfusionale e l’età media dei donatori è sempre più avanzata. Nell’ultimo decennio quelli di età compresa fra 18 e 45 anni sono passati da 1.089.510 nel 2012 (63% del totale) a 866.112 (52%) nel 2021. Sempre in questa fascia di età, i nuovi donatori sono diminuiti del 24% in un decennio. Dall’altro lato persone con più di 46 anni che decidono di donare sono aumentate da 650.202 a 787.156 nel periodo 2012-2021. 

“Nonostante le grandi sfide umanitarie globali che ci tengono impegnati, non abbiamo mai smesso di veicolare gesti fondamentali come la donazione di sangue, che è una risorsa limitata e indispensabile nelle strutture di primo soccorso, negli interventi chirurgici e nella cura di molte malattie onco-ematologiche - spiega Francesco Rocca, Presidente Croce Rossa Italiana e della Federazione Internazionale della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa (IFRC) -. In particolare, chiediamo uno sforzo ai giovani, che sono motore del cambiamento e il cui esempio può essere contagioso per i coetanei. I dati nazionali, infatti, dicono che l’età media dei donatori è in aumento, mentre scarseggiano quelli tra i 18 e i 30 anni. Una tendenza da invertire, perché se vogliamo aumentare la quantità di donazioni è fondamentale attrarre le nuove generazioni con campagne di sensibilizzazione mirate come ‘Dona che ti torna’ e far crescere la cultura del dono anche attraverso i canali di comunicazione più utilizzati dai giovani”. 



19 ottobre 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy