Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 26 MAGGIO 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Ragazze, attente allo sport fai da te


Due medici del Loyola University Health System lanciano l’allarme: soprattutto per le donne, l’attività sportiva spontanea se non supportata da una corretta dieta può esporre al rischio di seri problemi di salute.

22 GIU - Mentre in Italia si festeggia ancora la storica vittoria del Roland Garros da parte della tennista Francesca Schiavone e in tutto il mondo le sportive ottengono performance sempre più vicine a quelle dei colleghi maschi, dagli Stati Uniti arriva l’allarme. Le ragazze, soprattutto se inesperte, non si lascino trascinare dall’entusiasmo esagerando con lo sport e pasticciando con la dieta: potrebbero derivarne seri problemi di salute: non soltanto affaticamento, ma anche fratture, disturbi mestruali, problemi di fertilità e - contro ogni aspettativa - anche osteoporosi.
“La maratona e il triatlon, per esempio, sono diventati molto popolari negli ultimi anni”, spiega Neeru Jayanthi, medico dello sport al Loyola University Health System, in Illinois (Usa). “Molte delle partecipanti a questi eventi sono atlete prive di esperienza, che non hanno seguito una preparazione sportiva adeguata. E questo può esporle al rischio di danneggiare irreversibilmente la loro salute”, aggiunge Jayanthi.
I problemi possono derivare per esempio se la quantità di calorie assunta è insufficiente a supportare lo sforzo dell’attività fisica. Evenienza tutt’altro che rara, dal momento che le donne - a differenza degli uomini - hanno l’abitudine di non modificare la loro dieta in relazione allo sforzo sostenuto.
“Le atlete sono a più alto rischio - spiega Haemi Choi, medico dello sport nello stesso istituto. “È necessario educarle ad ascoltare il loro corpo e supportarle in una corretta alimentazione. Così possiamo proteggere meglio la loro salute”.
Per questa ragione i due esperti hanno stilato una semplice guida per le atlete inesperte che si apprestano a compiere attività sportiva:

Fare uno spuntino ogni tre ore e assumere nell’arco della giornata 30 calorie per chilogrammo, adattando questa quantità al livello di attività fisica.  

22 giugno 2010
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy