Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 18 LUGLIO 2024
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Anziani e incontinenza, quanta fatica per i familiari. L’indagine dell’Inrca di Ancona


Nel 70% dei casi circa non è possibile scegliere la modalità di consegna degli ausili assorbenti forniti dal sistema sanitario, nel 57% dei casi non è si può neanche scegliere il modello e grado di assorbenza. Il 30% degli intervistati giudica poco chiaro e farraginoso l’iter burocratico per richiederli. Per il 67% a quantità di ausili erogati dai servizi sanitari è insufficiente. E in questo percorso ad ostacoli che è l’assistenza a un non autosufficiente, oltre 60% dei caregiver è a rischio depressione.

30 NOV - Dai servizi sanitari per le persone con incontinenza, alla salute di chi ne è affetto, fino ai giudizi dei familiari che prestano assistenza. Sono i temi approfonditi da una ricerca dell’Inrca – l’Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico per Anziani – tesa sia a stimare il carico di lavoro sopportato dai caregiver familiari, coloro che si occupano dei propri congiunti anziani, sia a valutare le caratteristiche e il gradimento del servizio di fornitura degli ausili assorbenti, oltre all’impatto sulle finanze delle famiglie.

L’Inrca evidenzia, anzitutto, come solo il 53% degli anziani si rivolge allo specialista per una diagnosi del disturbo di incontinenza e l’11% assume farmaci per controllarlo. Gli anziani che soffrono d’incontinenza presentano un quadro clinico talvolta complesso, con multi-cronicità e prevalenza di patologie neurologiche (53,5%) e cardiocircolatorie (15,3%).   

“Per tracciare le linee di indirizzo di un più efficace sistema di cure intorno all’incontinenza - spiega il Direttore scientifico dell’Inrca Fabrizia Lattanzio - è necessario ascoltare le esigenze di chi si confronta ogni giorno con le sue conseguenze. Dall’indagine emerge che per le famiglie le ricadute psicologiche ed economiche dell’incontinenza sono complesse, infatti quasi l’80% dei familiari, di cui quattro su cinque sono donne, assiste i propri cari non autosufficienti nelle attività quotidiane legate al disturbo, circa il 65% giudica cattivo il proprio stato di salute e più del 60% è a rischio depressione”.

Lo studio, della durata di sei mesi, è stato condotto mediante questionari su un campione di 101 familiari di anziani con incontinenza nelle sedi Inrca di Ancona e Fermo. Poco meno del 70% ha dichiarato di non poter scegliere la modalità di consegna e il 57% il tipo di prodotto (modello e grado di assorbenza), mentre il 74% non ne conosce le caratteristiche e non è stato informato sul corretto utilizzo. Il 30% degli intervistati giudica poco chiaro e farraginoso l’iter burocratico per richiederli.

Il 67% inoltre ritiene insufficiente la quantità di ausili erogati dai servizi sanitari (60 pezzi al mese) e si vede costretto ad acquistarne di tasca propria di migliore qualità, per una spesa media di 145 euro al mese. La spesa sale fino a 960 euro mensili se si assume personale privato per l’assistenza continuativa, come igiene personale, cambio del pannolone e cura della pelle, costi che vengono sostenuti a prescindere dal reddito, a dimostrazione dell’impossibilità di rinunciare al servizio.

“In Italia – spiega Sara Santini, del Centro ricerche socio-economiche sull’invecchiamento dell’Inrca e coautrice dello studio - non c’è un unico modello di assistenza sanitaria per chi soffre d’incontinenza. I servizi variano a seconda delle regioni, con differenze tra singole province dove, in molti casi, l’assistenza si limita all’erogazione dei prodotti assorbenti, talvolta in quantità e qualità non soddisfacenti e senza un reale sistema di formazione e supporto”. Ad Ancona, ad esempio, gli ausili sono ritirabili in farmacia, mentre a Fermo vengono recapitati a domicilio. “La modalità di distribuzione – aggiunge la sociologa - ha un impatto significativo sul modo in cui le famiglie percepiscono il sostegno dei servizi sanitari, infatti ben il 65% di chi li ritira in negozio si sente poco supportato”.

Per migliorare i servizi, secondo l’Inrca, si potrebbe intensificare l’assistenza domiciliare e offrire corsi di formazione per badanti e caregiver. “È necessario inoltre individuare un criterio unico di valutazione del disturbo, per evitare errori e ritardi lungo il percorso di assegnazione degli ausili. Per garantire agli utenti la libera scelta dei prodotti inoltre, si potrebbe prevedere un budget personale”.

30 novembre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy