Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 11 AGOSTO 2022
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Speciale formazione Ecm. D’Anna (Biologi): “Serve rivoluzione delle coscienze, aggiornamento essenziale per svolgere al meglio professione”


Nuova puntata della nostra inchiesta sull’educazione continua in medicina a pochi mesi dalla scadenza del triennio formativo con il presidente dell’Ordine dei biologi: “Il professionista si deve aggiornare perché solo così può svolgere al meglio la propria professione”

04 AGO -

Occorre, prima di tutto, una rivoluzione delle coscienze affinché anche tutti i professionisti della sanità comprendano appieno l’importanza dell’aggiornamento continuo in Medicina, un obbligo ma prima ancora un dovere deontologico. Così la pensa Vincenzo D’Anna, presidente dell’Ordine nazionale dei Biologi, che invoca anche una formazione che sia più pratica e più rivolta ai nuovi ambiti della biologia, dove è fondamentale avere esperienza per entrare nel mondo del lavoro. “Gli italiani avrebbero bisogno del precetto oltre che della norma perché la norma hanno la vocazione ad evaderla” spiega D’Anna, commentando l’obbligo formativo sancito per legge. “Il professionista si deve aggiornare perché solo così può svolgere al meglio la propria professione”, continua l’ex senatore.

Presidente, esiste una legge che prevede l’obbligo formativo per gli operatori della sanità. Un Ordine come può convincere i propri iscritti ad adempiere a questo obbligo?
Noi ci illudiamo di esserci in parte riusciti, almeno per quella parte di iscritti che segue le attività dell’Ordine. Molta gente ritiene che l’Ordine professionale sia una solo una tassa da pagare per esercitare. Niente di più sbagliato e io parlo con serenità di coscienza per quanto riguarda l’Ordine che l’onore di presiedere. Queste persone non si interessano, non seguono il sito, non leggono i giornali. Abbiamo creato una rete di comunicazione e di interazione, abbiamo un’app attraverso il quale il biologo si può collegare, abbiamo aderito al diario formativo di Cogeaps per cui ogni biologo che è iscritto al diario formativo riceve 30 punti gratuiti al biennio. Abbiamo una commissione composta da docenti universitari che valutano i contenuti dei corsi Fad o degli eventi che danno crediti ECM in modo tale da non affidarsi ad eventi privi di contenuti ma che servono solo come ‘puntificio’. I nostri biologi attraverso l’area loro riservata possono seguire il giornale telematico che noi inviamo all’interno del quale c’è un apposito articolo scientifico, loro lo devono leggere, devono compilare il test per capire se hanno compreso e assegniamo due/tre punti ECM per ognuno di questi articoli. Poi abbiamo una pletora di eventi telematici e corsi Fad. Attraverso la commissione degli esperti, noi siamo sicuri di poter dare ai nostri iscritti la gratuità e l’attendibilità. Ci preoccupiamo di fare una formazione che possa essere indirizzata ai nuovi settori della biologia. È inutile che noi diciamo che i biologi possono fare 80 diverse attività: per iniziare una strada nuova bisogna avere nel bagaglio non solo nozioni teoriche ma anche quel minimo di nozioni pratiche per cominciare un esercizio libero professionale o per vincere un concorso.  

Secondo lei è più utile utilizzare incentivi o puntare sulle sanzioni?

I giuristi tedeschi dicevano che “una norma senza il precetto è una spada senza lama”. Lei la brandisce ma non serve a niente. Gli italiani avrebbero bisogno del precetto oltre che della norma perché la norma hanno la vocazione ad evaderla. Però a un professionista non basta intimare il precetto. Il professionista non si forma perché qualcuno lo può multare ma perché deve svolgere al meglio la propria attività. Il vero problema non è né la sanzione né il convincimento: sommando i vari corsi sono 25-30 mila colleghi su 55mila che seguono i programmi di Formazione ECM dell’Ordine. Il vero problema è che bisogna superare l’idea che l’Ordine sia un costo. Io mi lamento ma credo che negli altri Ordini sia la stessa cosa. Dopo aver fatto tutte le capriole di questo mondo, io le posso dire che il 40% delle nostre mail e delle nostre newsletter viene vanificato dal fatto che ci sia gente che non le apre.

L’utente/paziente ha, però, il diritto ad avere un professionista formato…
L’Ordine non è un ufficio che eroga servizi. Ma ben venga tutta questa miriade di attività. In quattro anni e mezzo abbiamo fatto 260 eventi, a cui hanno partecipato anche tre premi Nobel, sulla nutrizione è venuto anche Valter Longo. Ma se gli iscritti non si interessano rimarranno sempre indietro. Li possiamo sanzionare come vogliamo, ma serve una rivoluzione delle coscienze.

Vedi gli altri interventi del nostro specialeMonaco - Bartoletti - Mangiacavalli - AmatoRossi - Panti - Boldrini - Filippini - Magi - Lazzari – Rea e Mona - Falcinelli - Zuccarelli - Clarizia



04 agosto 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy