Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 03 DICEMBRE 2022
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Speciale formazione Ecm. Boldrini (Pd): “Dopo il Covid aggiornamento ineludibile, Ordini aiutino iscritti ad adempiere a obbligo”


Settima tappa della nostra inchiesta sull’Educazione continua e in medicina con l’intervista alla senatrice del Partito democratico che evidenzia come “oggi tutti i professionisti della sanità devono formarsi per essere aggiornati continuamente: penso soprattutto ai medici di medicina generale che sono il primo baluardo a cui si rivolge il cittadino quando ha un bisogno”.

22 LUG -

“Gli Ordini devono mettere in campo tutte quelle misure necessarie per aiutare gli iscritti a continuare a svolgere la formazione continua. Tutti i professionisti della sanità devono formarsi, ma penso soprattutto ai medici di medicina generale che sono il primo baluardo a cui si rivolge il cittadino quando ha un bisogno”. Sono le parole della senatrice Paola Boldrini, capogruppo del Partito democratico in commissione Igiene e Sanità al Senato, che ricorda quanto il Covid abbia reso ormai ineludibile l’aggiornamento ECM, soprattutto per lo sviluppo della telemedicina che prima procedeva a rilento.

Senatrice, quanto è importante la formazione continua per i professionisti della sanità?
La formazione continua nell’ambito della professione medica e delle professioni sanitarie è diventata ancora più importante con il Covid: in questi anni abbiamo avuto una evoluzione importante, ad esempio, nella telemedicina che prima sembrava non dovesse mai partire. Invece adesso ci siamo resi conto che la nuova tecnologia ha bisogno di un continuo aggiornamento. Per altro anche nel PNRR c’è una somma cospicua per quel che riguarda la formazione destinata alla formazione di tutti i professionisti sanitari a partire dai medici ma anche agli infermieri e a tutti gli altri professionisti che prendono in carico il paziente. Questo è fondamentale sia dal punto di vista della tecnologia ma anche della farmacologia innovativa: pensiamo alle terapie geniche, alle CAR T e a tutte quelle terapie che si basano sulla ricerca ma che poi devono essere applicate al paziente. Oggi tutti i professionisti della sanità devono formarsi per essere aggiornati continuamente: penso soprattutto ai medici di medicina generale che sono il primo baluardo a cui si rivolge il cittadino quando ha un bisogno. È importante che abbiano questo tipo di aggiornamento, che siano in costante collegamento con gli altri colleghi che lavorano sul territorio e dentro gli ospedali.

La politica ha preso delle misure per far sì che l’obbligo ECM sia rispettato. Nell’ultimo decreto PNRR, ad esempio, c’è una norma che prevede che se non si è in regola con il 70% dei crediti non ci si può assicurare secondo quanto previsto dalla legge Gelli. Gli Ordini hanno strumenti sufficienti per far rispettare la norma?

Un medico o un professionista sanitario dovrebbe aggiornarsi a priori, è un dovere professionale. Gli strumenti che sono stati messi a disposizione, come quello legato al raggiungimento del 70% dei crediti, è legato anche al fatto che secondo la legge Gelli il professionista deve conoscere le linee guida e quindi adeguarsi a queste per prendere in carico il paziente nella maniera migliore. Ovvio che gli Ordini che sono diventati parte del sistema sanitario perché sono enti sussidiari dello Stato devono mettere in campo tutte quelle misure necessarie per aiutare gli iscritti a continuare a svolgere questi aggiornamenti. Ma quali tipo di formazione e con quali crediti? Su questo gli Ordini possono e devono vigilare affinchè vengano fatti dei corsi di aggiornamento che siano veramente utili per i professionisti, affinché questi possano aggiornarsi con le nozioni e la tecnologia più avanzate dal punto di vista scientifico. Gli Ordini possono fare moltissimo da questo punto di vista.



Vedi le altre interviste del nostro specialeMonaco - Bartoletti - Mangiacavalli - Amato- Rossi - Panti

 



22 luglio 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy