Quotidiano on line
di informazione sanitaria
14 AGOSTO 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Sclerosi multipla. Il farmaco oncologico imatinib riduce i sintomi della malattia


Per ora è stata testato solo sui topi, ma la molecola, già approvata contro il cancro, sarebbe efficace anche sulla malattia autoimmune. Ridotti la reazione immunitaria e il numero di globuli bianchi che attaccano il sistema nervoso. E così o rallenta la comparsa dei sintomi o si riducono quando sono già apparsi.

10 MAR - Imatinib è un famoso farmaco che viene usato da anni per il trattamento di leucemia e altri tipi di cancro. Ma forse questo stesso farmaco potrebbe non essere utile solo per questo uso: uno studio del Karolinska Institutet svedese, pubblicato su PLoS One, dimostrerebbe infatti l’efficacia del farmaco nei pazienti con sclerosi multipla.
 
Questa malattia deriva dall’attacco del sistema immunitario allo stesso organismo, e in particolare al midollo spinale e al cervello: conseguenza di questa reazione dei globuli bianchi contro il sistema nervoso –che di solito è scongiurata dalla barriera emato-encefalica, un tessuto che controlla cosa passa o meno attraverso i muri vascolari – sono problemi alla vista, alla deambulazione e altre disabilità neurologiche, ad oggi incurabili.
I trattamenti sintomatici per la malattia possono avere pesanti effetti collaterali, che peggiorano la qualità della vita dei pazienti. “Ecco perché è urgente trovare nuovi farmaci che siano efficaci ma non abbiano tutti questi lati negativi”, ha commentato Ingrid Nilsson, co-autore dello studio.
Nella ricerca, il team ha esaminato la possibilità di influenzare i sintomi neurologici sigillando la barriera emato-encefalica. Il tentativo è stato fatto su un modello murino in cui le difese immunitarie sono state stimolate da una proteina endogena del tessuto nervoso che innesca la reazione automimmune, che sviluppa sintomi simili a quelli della sclerosi multipla umana. Poi i ratti venivano trattati don imatinib, che nel cancro viene usata proprio per ridurre le perdite della barriera. “Così abbiamo dimostrato che il farmaco ci aiutava a rallentare la progressione della malattia e migliorare i sintomi, prevenendo l’azione dei globuli bianchi sui tessuti nervosi”, ha continuato il ricercatore.
                                                                                                                                        
Il trattamento con imatinib, inoltre, riduceva la reazione autoimmune e il numero di cellule che riuscivano a passare attraverso la barriera emato-encefalica, anche nei topi che avevano già sviluppato i sintomi più gravi della sclerosi”, ha concluso Nilsson.
La scoperta è importante non solo per i risultati sorprendenti, ma anche perché essendo il farmaco già approvato per l’uso sugli esseri umani, potrebbe superare più velocemente gli stadi di approvazione che potrebbero portarlo – se tutto ciò viene confermato – a diventare un’opzione terapeutica oltre che per i pazienti oncologici anche per quelli affetti da sclerosi multipla.

10 marzo 2013
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy