Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 22 SETTEMBRE 2018
Emilia Romagna
segui quotidianosanita.it

Aou Ferrara. Ricostruite artificialmente le articolazioni temporo-mandibolari

L’intervento chirurgico su un paziente affetto da grave deformità artrosica, durato circa 8 ore, è stato condotto dall’equipe di Chirurgia Maxillo Facciale Grazie all’utilizzo delle nuove tecnologie, protesi personalizzata in teflon e titanio, è possibile la progettazione e l’esecuzione di interventi ricostruttivi non possibili in passato

11 LUG - Ricostruite artificialmente dall’Unità Operativa di Chirurgia Maxillo- Facciale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara le articolazioni temporo-mandibolari di un paziente affetto da grave deformità artrosica. Una deformità che determinava la totale incapacità del paziente di aprire la bocca, con impossibilità di alimentarsi e dolore continuo. Anche le altre funzioni, come la respirazione, la deglutizione e l’articolazione delle parole, risultavano limitate.
Grazie all’utilizzo delle nuove tecnologie è quindi possibile la progettazione e l’esecuzione di interventi ricostruttivi non possibili in passato.
 
L’intervento chirurgico, durato circa 8 ore, è stato condotto dall’equipe di Chirurgia Maxillo Facciale, guidata da Manlio Galiè, coadiuvata dal gruppo di anestesisti, diretti da Roberto Zoppellari, e da due equipe di personale infermieristico. L’operazione è consistita nella rimozione delle articolazioni temporo-mandibolari danneggiate e dalla loro completa sostituzione mediante protesi personalizzata in teflon e titanio.

 
“Le componenti dell’impianto artificiale – si legge in una nota – sono state progettate per adattarsi alla conformazione anatomica specifica del paziente e alla pianificazione preoperatoria effettuata dal chirurgo utilizzando il modello anatomico di osso prodotto dalla scansione TC. Il progetto protesico, quindi, è stato particolarmente complesso e realizzato attraverso un sistema di progettazione e fabbricazione da parte di una ditta statunitense che ha costruito e inviato in Italia le protesi complete che si sono poi perfettamente adattate alla situazione anatomica del paziente. Il tutto attraverso continui contatti con i bioingegneri statunitensi da parte di Stefano Mandrioli, che si è occupato della parte clinica e virtuale della progettazione. L’intervento ha permesso al paziente di riprendere una normale attività mandibolare con recupero delle funzioni masticatoria, respiratoria e fonatoria oltre che un’immediata scomparsa del dolore”.
 
Nel periodo post-operatorio è stato determinante il ruolo avuto dall’Unità Operativa di Riabilitazione, diretta da Nino Basaglia, nel ripristino graduale delle funzioni fisiologiche. Nell’ambito della patologia dell’articolazione temporo-mandibolare è stato avviato inoltre un percorso clinico, diagnostico e di ricerca con l’Unità Operativa di Reumatologia diretta da Marcello Govoni.
 

11 luglio 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Emilia Romagna

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy