Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 13 NOVEMBRE 2019
Friuli Venezia Giulia
segui quotidianosanita.it

Peratoner (Aaroi Emac): “In Regione c’è una carenza di 50 anestesisti rianimatori”

“Se non si interverrà adesso con un progetto preciso sul numero degli specialisti di anestesia e rianimazione, anche in FVG si verificherà ciò che si sta verificando ad esempio nel Veneto che, per fare fronte alle carenze di anestesisti, recluta medici dalle Coop, strategia che come Aaroi Emac combatteremo a tutti i livelli". Così il presidente regionale Aaroi Emac.

23 LUG - “In Friuli Venezia Giulia la situazione degli anestesisti rianimatori è critica a causa di una storica carenza mai risolta, pensionamenti mai sostituiti e fughe di personale verso il privato, fenomeno questo che nella nostra Regione non si era mai verificato prima d’ora. Attualmente la carenza in questo ambito nella Regione FVG è di ben 50 specialisti“. A dirlo è il Presidente Regionale Aaroi Emac Friuli Venezia Giulia, Alberto Peratoner.
 
Ad oggi nelle due scuole di specializzazione regionali vengono formati all’incirca quindici specialisti all’anno e se non si porrà rimedio in tempi ragionevoli, il disavanzo rischierà di diventare drammatico. Nei vari ospedali la carenza di questa categoria è tamponata con i medici disponibili, che vengono incentivati per la quantità di lavoro in eccesso che sono chiamati a fare seppur nell’ambito di un contratto nazionale bloccato da 10 anni con retribuzioni al ribasso e blocco degli avanzamenti di carriera. La preoccupazione per l’Aaroi Emac resta la programmazione.
 
“Se non si interverrà adesso con un progetto preciso sul numero degli specialisti di anestesia e rianimazione, anche in FVG si verificherà ciò che si sta verificando ad esempio nel Veneto che, per fare fronte alle carenze di anestesisti, recluta medici dalle Coop, strategia che come Aaroi Emac combatteremo a tutti i livelli.- Da anni manca una politica regionale che sappia programmare il numero degli specialisti rispetto alle reali esigenze e non mi sto riferendo solo a questo governo regionale – spiega Peratoner – ma l’unico provvedimento, dopo anni di inerzia, lo si è visto solo a livello nazionale da parte del governo che quest’anno ha aumentato il numero degli specializzandi. Ciò che è preoccupante è che la Regione FVG non ha seguito l’esempio, ma continua a finanziare solamente ulteriori venti borse di studio all’anno oltre a quelle ministeriali, numero altamente insufficiente”.

 
Il problema della carenza di borse di studio è un problema noto e frequente in tante regioni, ma non in tutte. Ad esempio, le Province Autonome di Trento e Bolzano, contribuiscono con il bilancio provinciale a pagare un numero significativo di borse di studio aggiuntive: più precisamente, Bolzano quest’anno ne ha finanziate 57, mentre Trento ne ha finanziate 30. Secondo l’Aaroi Emac, la carenza di specialisti riguarda principalmente i medici del pronto soccorso e gli anestesisti rianimatori.
 
“La nostra FVG anche quest’anno non si è focalizzata su questo ambito gravemente carente ma ha spartito equamente le 20 borse regionali anche a branche specialistiche - ragiona Alberto Peratoner - che non sono così carenti”. L’ambito lavorativo degli specialisti in anestesia e rianimazione e medicina di emergenza-urgenza rappresenta all’interno del SSR FVG un contesto particolarmente delicato, che necessità di elevato livello di preparazione, competenza ed attenzione agli organici se si vuole garantire e mantenere l’attuale livello di cure, non pensabile, secondo l’Aaroi Emac organizzate con forme diverse come ad esempio le coop esterne, medici pensionati o neolaureati oppure con forme al di fuori della formazione che siano le scuole di specializzazione.
 
“Da queste ultime quindi bisogna partire con la programmazione magari sfruttando anche quando previsto dal recente Decreto Legge Calabria laddove è previsto che in situazioni di estrema criticità si possa procedere all’assunzione a tempo determinato dei medici specializzandi degli ultimi anni con funzioni graduate e coerenti con il livello di competenze ed autonomia acquisite”. Conclude il Presidente Regionale Aaroi Emac del Friuli Venezia Giulia, Alberto Peratoner.
 
Endrius Salvalaggio

23 luglio 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Friuli Venezia Giulia

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy