Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 16 LUGLIO 2019
Piemonte
segui quotidianosanita.it

Girato all'ospedale Mauriziano un film che racconta la battaglia contro la leucemia

Luce Mia, questo il titolo, sarà proiettato alla prossima edizione di Torino Film Festival. Uno sguardo non solo sul percorso clinico della malattia, ma anche sul confronto dei protagonisti sul mutamento del corpo e della propria anima, sui luoghi che li hanno accolti, sulle relazioni umane che si sono create all'interno delle stanze di ospedale.

11 NOV - Luce Mia è un gioco di parole per rappresentare la leucemia. Luce Mia è un viaggio dentro, attorno e fuori dalla malattia. Luce Mia è un film documentario, che verrà proiettato in anteprima durante il prossimo Torino Film Festival il 21 novembre.

Lucio Viglierchio (35 anni) è l'autore, il regista, ma soprattutto il protagonista del film. Nel 2010 gli è stata diagnosticata una leucemia mieloide acuta. Oggi, dopo tre chemioterapie vissute in regime di isolamento ed alcuni mesi trascorsi all'interno del reparto di Ematologia dell'ospedale Mauriziano di Torino (diretto dal professor Massimo Massaia), ha raggiunto il grande traguardo della guarigione dalla malattia e la nascita della sua prima figlia, Nora.

Così ha deciso di affrontare la paura, tornare in reparto e cercare di ritrovare una parte di sé. Nel suo cammino a ritroso, grazie ai medici ed al personale che l'avevano curato e seguito, ed in particolare al dottor Alessandro Cignetti, è entrato in contatto con Sabrina, che stava affrontando la sua stessa malattia nelle stanze del Mauriziano che l'avevano ospitato due anni prima. Insieme hanno deciso di percorrere la sua battaglia, la loro battaglia, uno appoggiato alla spalla dell'altra, alla ricerca di quell'attimo in cui si smette di essere pazienti e si torna esseri umani.


Un anno è durato il loro cammino insieme. Un anno di chemioterapie, trapianti, sofferenza e profonda amicizia nata nelle stanze dell'ospedale Mauriziano. Un anno e poi i loro destini si sono separati: Sabrina infatti, nonostante il trapianto di midollo, non ce l'ha fatta.

Così nasce Luce Mia, un documentario girato all'ospedale Mauriziano che racconta il percorso dal punto di vista dei pazienti, nel confronto con la malattia, con l'ospedale, con le emozioni, con la vita.

L'intento del documentario è anche quello di diventare uno strumento di riflessione e di confronto per tutti coloro che affrontano il dramma di una malattia mortale. Affrontare le cure, riabituarsi alla vita, accettare il cambiamento, convivere con la paura, interagire con i medici e con il personale infermieristico, tutelare i propri cari sono tutti temi che andranno a formare il caleidoscopio emotivo del film.

La peculiarità del film rimane il punto di vista personale ed assolutamente interno della storia del protagonista, dato dal suo precedente ricovero, che consente al film di rimanere sempre in bilico tra un approccio riflessivo ed emotivo. Perché è testimonianza di come la leucemia, che era ancora con lui all'inizio del film, se non come malattia almeno come ombra dell'anima, sia mutata nel corso della storia, fino a diventare qualcos'altro, fino a diventare non più leucemia ma Luce Mia.

Luce Mia, un film che racconta soprattutto di due amici, della malattia che li ha fatti conoscere, delle stanze che li hanno ospitati. Che non esita a porre le domande che fanno paura, ma prova a restituire le risposte che danno coraggio.

Luce Mia (82 minuti) è una produzione Zenit Arti Audiovisive in collaborazione con Rai Cinema e con il supporto della Fondazione Scientifica Mauriziana Onlus, l'AIPE (Associazione Italiana Pazienti Emopatici) e la Film Commission.

Al film si accompagna una piattaforma crossmediale di taglio decisamente più scientifico, realizzato grazie alla consulenza scientifica del dottor Riccardo Bruna dell'ospedale Mauriziano ed alla disponibilità di tutto il reparto di Oncoematologia. All'interno di tale piattaforma si trovano interviste a medici ed infermieri del Mauriziano, oltre che di alcuni pazienti, e si tenta di dare risposte esaurienti e precise alle domande più comuni che i degenti di un reparto di oncoematologia si trovano ad affrontare.

Claudio Risso

11 novembre 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Piemonte

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy