Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 24 AGOSTO 2019
Veneto
segui quotidianosanita.it

Al via monitoraggio della qualità dell’aria e della salute della popolazione di Pederobba (TV)

Il monitoraggio vuole valutare il possibile impatto del “Cementificio Rossi” sulla salute della popolazione. Previsti tre tipi di studi: il monitoraggio della qualità dell’aria, studi sulla mortalità e sulla frequenza di malattie nella popolazione residente, uno studio epidemiologico su indicatori di salute degli abitanti in relazione alla loro storia residenziale

18 APR - Ulteriori indagini sulla qualità dell’aria, sulla frequenza di malattie correlate con l’esposizione a inquinanti aerei e studio epidemiologico su indicatori di salute della popolazione in relazione alla storia residenziale: son o queste le linee di lavoro previste nell’ambito del protocollo d’intesa, relativo alla valutazione del possibile impatto del “Cementificio Rossi” sulla salute della popolazione, condiviso oggi da Comune di Pederobba (TV), Ulss 2 Marca Trevigiana, Arpav e Università di Brescia.

Il protocollo prevede, nel dettaglio, tre tipi di studi.
 
Tanto per cominciare proseguiranno le indagini Arpav sulla qualità dell’aria effettuati tramite i rilievi presso la stazione fissa di Onigo.
 
Saranno poi condotti studi sulla mortalità e sulla frequenza di malattie nella popolazione residente. In particolare, il Dipartimento di Prevenzione dell’Ulss 2, con il supporto del SER (Servizio Epidemiologico Regionale), curerà l’analisi dei dati di mortalità e di frequenza delle più significative malattie correlate all’inquinamento dell’aria, comparando i dati di Pederobba con quelli dei comuni limitrofi e, più in generale, con il contesto provinciale, regionale e nazionale.


Infine, sarà condotto uno studio epidemiologico su indicatori di salute degli abitanti nei comuni dell’area, in relazione alla loro storia residenziale. L’Ulss 2, con la collaborazione del Comune di Pederobba e dei Comuni limitrofi, con il supporto tecnico-scientifico del SER e con la supervisione del professor Francesco Donato, condurrà uno studio sui residenti nel comune di Pederobba e nei comuni limitrofi. Lo studio prevede la ricostruzione della storia residenziale in soggetti “esposti” e “non esposti”, residenti cioè nelle aree a maggiore e minore ricaduta delle emissioni del Cementificio e l’analisi della mortalità per causa, dell’incidenza dei tumori e della frequenza dei ricoveri ospedalieri negli stessi soggetti, in un determinato periodo di tempo. Il tipo di studio scelto (definito tecnicamente “studio di coorte storico”) risulta oggi il più affidabile in termini scientifici per misurare il possibile impatto di esposizioni ambientali in soggetti residenti nell’area nel corso del tempo. La conclusione delle attività di studio e di indagine è prevista nell’arco di un anno.
 

18 aprile 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Veneto

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy