Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 20 MAGGIO 2024
Toscana
segui quotidianosanita.it

Telemedicina. Via libera della Toscana a un nuovo modello organizzativo

L‘obiettivo è assistere nei prossimi tre anni almeno 200mila persone. Bezzini: “Implementeremo le attività di telemonitoraggio e teleassistenza, congiuntamente alla messa a disposizione di attività di supporto, logistiche e formative per gli operatori sanitari e i cittadini”

18 LUG -

“Vogliamo migliorare la qualità della presa in carico. Alla prima visita in presenza seguirà un percorso multiprofessionale teleassistito. L’obiettivo è attivare entro quest’anno almeno un progetto di telemedicina in ogni azienda, arrivando ad assistere nei prossimi tre anni almeno 200mila persone, con particolare attenzione ai pazienti cronici. Implementeremo le attività di telemonitoraggio e teleassistenza, congiuntamente alla messa a disposizione di attività di supporto, logistiche e formative per gli operatori sanitari e i cittadini”.

Così l’assessore al diritto alla salute, Simone Bezzini, sul nuovo modello organizzativo dei servizi di telemedicina approvato dalla Giunta regionale.

Un percorso, quello sulla telemedicina con focus sui pazienti cronici, che la Regione Toscana, spiega una nota, aveva già avviato nel 2019 con il progetto “A casa in buona compagnia”, frutto di un accordo con i sindacati dei pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl, Uilp Toscana, le Aziende sanitarie e Anci Toscana, e che ora si rafforza ulteriormente con uno specifico modello organizzativo.

Il programma operativo, infatti, prevede che tutte le strutture coinvolte nell’attuazione dei servizi di telemedicina siano connesse alla rete telematica regionale della sanità e siano dotate degli applicativi software previsti all’interno del sistema informativo territoriale unico regionale.

Sul territorio sarà attivata una Centrale operativa territoriale (Cot) in ogni Distretto che avrà prima di tutto una funzione di coordinamento della presa in carico della persona e di raccordo tra servizi e professionisti coinvolti nei diversi setting assistenziali, anche attraverso interventi di interconnessione aziendale e la dotazione di appositi dispositivi.

La Regione ha previsto l’attivazione di un centro servizi unico regionale (ospitato all’interno dei locali del data-center regionale) con una disponibilità di tecnici disposti sul territorio regionale, in corrispondenza delle tre aree vaste, ed in numero adeguato a coprire la corretta gestione dei dispositivi medici e di garantire la formazione sull’utilizzo degli stessi. Si prevede l’attivazione di tre centri erogatori (uno per ogni azienda sanitaria, per l’area vasta di riferimento, Toscana Centro, Toscana Nord Ovest e Toscana Sud Est).

“Consideriamo la casa – aggiunge l’assessore Bezzini – come primo luogo di cura, anche attraverso la telemedicina. Daremo quindi impulso alle televisite, al teleconsulto e teleconsulenza, al telemonitoraggio e infine alla teleassistenza. L’idea è quella di consentire al paziente di muoversi il meno possibile per raggiungere i luoghi di cura e di garantire una presa in carico più rapida, perché fornita telematicamente, e al tempo stesso assicurata da equipes mediche che possano lavorare in team senza costringere il paziente a sottoporsi a visite diverse e scaglionate nel tempo. Ovviamente la modalità a distanza vale per le visite successive alla prima, che deve obbligatoriamente rimanere in presenza ”.

Le patologie trattabili Le patologie che verranno trattate con la nuova modalità sono quelle respiratorie, cardiologiche, neurologiche, oncologiche e il diabete. Deve sempre essere garantita la possibilità di scambiare anche in tempo reale i dati clinici, i referti medici, le immagini, audio-video, relativi al paziente. L’anamnesi può essere raccolta per mezzo di una videochiamata. La televisita si concluderà sempre con un referto (ad eccezione dei casi in cui sia effettuata dal medico di medicina generale e dal pediatra) che deve essere inviato al Fascicolo sanitario elettronico, ma su richiesta potrà essere anche inviato a casa.

“Spetterà ovviamente ai medici – conclude l’assessore Bezzini – stabilire se le condizioni cliniche del paziente e le sue necessità permetteranno il ricorso alla modalità telematica oppure se dovrà essere proseguita la tradizionale assistenza in presenza. La popolazione di riferimento è costituita da tutti gli assistiti residenti in Toscana con particolare riguardo ai pazienti con multimorbosità complesse”.

Il telemonitoraggio Dopo l’anamnesi, la diagnosi e la somministrazione della terapia, è previsto il ricorso al telemonitoraggio, che permette il rilevamento e la trasmissione a distanza di parametri vitali e clinici in modo continuo ed automatico, per mezzo di sensori che interagiscono con il paziente come i saturimetri, gli elettrocardiografi, le bilance, i termometri, i monitor cardiorespiratori, gli spirometri, i glucometri e altri.

Il set di tecnologie a domicilio può essere personalizzato in base alle indicazioni fornite dal medico. I dati raccolti sono registrati presso il domicilio del paziente e vengono inviati in modo continuativo e automatico alla piattaforma di telemedicina, possono essere messi a disposizione degli operatori su specifica richiesta.

La teleassistenza Si basa sull’interazione a distanza tra il professionista e paziente/caregiver per mezzo di una videochiamata, alla quale si può, all’occorrenza aggiungere la condivisione di dati, referti o immagini. Lo scopo, speiga la nota, è quello di agevolare il corretto svolgimento di attività assistenziali, eseguibili prevalentemente a domicilio. È necessario quindi che il servizio di teleassistenza sia in grado di rendere disponibile anche tutte le funzionalità presenti per la televisita e per il telemonitoraggio. La teleassistenza è prevalentemente programmata e ripetibile



18 luglio 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in QS Toscana

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy