Quotidiano on line
di informazione sanitaria
19 MAGGIO 2024
Toscana
segui quotidianosanita.it

Farmacia dei servizi. Toscana aggiorna le norme, si a spazi esterni ma no a gazebo e prefabbricati

La giunta presenta proposte di modifica alla legge regionale 16 del 2000 allo scopo di fare ordine nel “groviglio normativo tra livello nazionale e regionale che si è creato”. Scompare il riferimento esclusivo ai test di autodiagnostica. Le attività aggiuntive potranno essere svolte in spazi separati all’interno delle farmacie, in locali esterni o all’interno nei locali adibiti alla vendita ma in orario di chiusura. La proposta di legge ora passa al Consiglio

17 APR - La giunta regionale della Toscana propone una nuova norma per i servizi erogati in farmacia che siano diversi dalla preparazione e vendita di farmaci. Ad annunciarlo una nota in cui si spiega che “nel 2000 la Toscana già aveva dato indicazioni sulle autoanalisi da sangue capillare da svolgersi in farmacia. In oltre venti anni la tecnologia è però andata avanti, sono cresciute le analisi che si possono fare con strumenti non ingombranti, è arrivata la pandemia con vaccini e tamponi. Più disposizioni si sono aggiunte nel tempo e, nel groviglio normativo tra livello nazionale e regionale che si è creato, la giunta intende ora mettere ordine modificando proprio quella legge regionale del 2000, la n. 16”.

Scompare, dunque, il riferimento esclusivo ai test di autodiagnostica. Si spiega che le attività aggiuntive potranno essere svolte in spazi separati all’interno delle farmacie ma anche in locali esterni – basta che quegli spazi non vengano utilizzati anche per la vendita di farmaci e prodotti - oppure, nel caso di farmacie che non dispongono di spazi idonei e separati, le si potranno fare all’interno nei locali adibiti alla vendita ma in orario di chiusura. Non si potranno invece utilizzare, se non in casi eccezionali, gazebo o strutture prefabbricate, come quelle che in piena pandemia da Covid 19 nella straordinarietà del momento erano state autorizzate. Le nuove disposizioni elencano in maniera puntuale pure le responsabilità del farmacista, a partire dal rispetto della riservatezza degli utenti.

La modifica della legge regionale del 2000, sottolinea la nota, “è stata avviata dopo un confronto con le organizzazioni sindacali e le Asl”. La proposta di legge, presentata dall’assessorato al diritto alla salute, sarà ora esaminata dal Consiglio regionale.

17 aprile 2024
© Riproduzione riservata

Altri articoli in QS Toscana

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy