Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 21 AGOSTO 2019
Cronache
segui quotidianosanita.it

Retinopatia diabetica. Campagna informativa per prevenire la cecità nei pazienti

Lo scopo dell’iniziativa, lanciata al Senato da IAPB Italia onlus, SIMG, Italian Barometer Diabetes Observatory, Diabete Italia, Associazione Parlamentare per la tutela e la promozione del diritto alla salute e Censis è quella di informare i pazienti sui rischi della patologia, prima causa di cecità in età lavorativa.

13 FEB - La retinopatia diabetica è la prima causa di cecità in età lavorativa in Italia e negli altri Paesi industrializzati. Può causare seri problemi alla vista, danneggiando la retina. Eppure, se affrontata per tempo con adeguati programmi di screening e di cura, è possibile controllarla e prevenire così la cecità. Per contrastare questo problema è stata lanciata proprio ieri al Senato una campagna informativa promossa dall’Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus, in collaborazione con la Società Italiana di Medicina Generale (SIMG), l’Italian Barometer Diabetes Observatory, Diabete Italia, l’Associazione Parlamentare per la tutela e la promozione del diritto alla salute e il Censis e il contributo non condizionato di Novo Nordisk.
 
Il diabete è stato definito un’“epidemia silenziosa” per via del rapido aumento del numero dei malati che, secondo l’Oms, sono attualmente 346 milioni nel mondo, mentre in Italia, secondo l’Istat, colpisce il 4,9% della popolazione (circa 3 milioni di persone). Complicazioni possibili del diabete sono quelle renali, cardiache, circolatorie e nervose. In tutti questi casi cure tempestive e una prevenzione adeguata – compresa una dieta corretta e un’attività fisica regolare – sono per tutti la strategia migliore da adottare.

Una situazione complessiva – questa – che genera preoccupazione anche sul piano oculistico: si può rischiare, se si è diabetici da molti anni, la menomazione delle capacità visive (ipovisione e cecità), e si stima che la retinopatia diabetica colpisca due diabetici su tre dopo vent’anni di malattia.
Eppure questa situazione è evitabile tenendo sotto controllo la concentrazione di zuccheri nel sangue (glicemia) e sottoponendosi a controlli oculistici periodici.
 
Ecco perché viene lanciata dalle istituzioni una nuova campagna informativa, che prevede:
- un libretto informativo - “La retinopatia diabetica” – scaricabile gratuitamente dal sito www.iapb.it;
- il numero verde 800-068506 (linea di consultazione oculistica gestita da IAPB, attiva dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 13) a cui i cittadini possono rivolgere domande e chiedere informazioni;
- il forum “L’oculista risponde”, è disponibile all’indirizzo  www.iapb.it/forum;
- materiali informativi saranno presenti negli studi dei medici di medicina generale;
- in concomitanza con alcuni appuntamenti come il XIX Congresso dell’Associazione Medici Diabetologi (Roma, 29 maggio - 1 giugno), le celebrazioni della Giornata mondiale del diabete (Milano, 14 novembre) e altre in via di definizione, saranno allestite postazioni per i controlli e lo screening della retinopatia diabetica nell’ambito delle quali sarà anche proiettato un video informativo.

13 febbraio 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy