Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 22 OTTOBRE 2019
Cronache
segui quotidianosanita.it

È morto il professor Bompiani. Padre della bioetica Italiana

È scomparso ieri pomeriggio, al Policlinico universitario di Roma, Adriano Bompiani. Noto bioeticista è stato senatore, presidente della Commissione Igiene e Sanità di Palazzo Madama, presidente del Cnb, di cui si deve la costituzione nel 1990, e ministro degli Affari Sociali nel governo Amato nel 1992.

19 GIU - Il Professor Adriano Bompiani è morto ieri pomeriggio al Policlinico universitario Agostino Gemelli di Roma dove era ricoverato da alcuni giorni a seguito di un grave politrauma dovuto a un incidente stradale.
 
Novanta anni, nato a Roma il 19 febbraio 1923, professore emerito dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, Bompiani è stato il primo professore Ordinario di Clinica ostetrica e Ginecologica dell'Università Cattolica-Policlinico A. Gemelli e primo direttore dell'omonimo Istituto.
Nel 1990 è stato nominato presidente del Comitato nazionale di Bioetica, ministro degli Affari Sociali nel governo Amato nel 1992, presidente dell'ospedale Bambino Gesu'
Laureato in medicina e Chirurgia presso l’Università di Roma nel 1946, specialista in Ostetricia e Ginecologia e in Endocrinologia e scienza della costituzione, Bompiani è libero docente in Clinica Ostetrica e Ginecologica nel 1956 e in Microscopia e Chimica Clinica nel 1958. Nel 1964 insegna presso la Cattedra di fisiologia e patologia della riproduzione umana istituita in Italia a Milano.
Nel 1966 il rientro a Roma presso la giovane Facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università Cattolica e il Policlinico A. Gemelli dove contribuisce a fondare e dirige fino al 1980 l'Istituto di Clinica Ostetrica e Ginecologica.

La sua ampia produzione scientifica comprende più di 300 lavori e alcune monografie nel settore dell'endocrinologia ginecologica, della fertilità umana, della medicina perinatale, dell'oncologia ginecologica.
Eletto Senatore nel 1976, è Presidente della Commissione Sanità (1983-1987); Presidente della Commissione Pubblica Istruzione (1987-1990); e Ministro per gli Affari Sociali nel Governo Amato (1992-1993). Nel giugno del 1990 è nominato Presidente del Comitato Nazionale per la Bioetica (Cnb), istituito nello stesso anno presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal 1992 ne diviene Presidente Onorario.
Come rappresentante del Comitato Nazionale, ha fatto costantemente parte dal 1993 sino ad oggi del Comitato Direttivo per la Bioetica del Consiglio d'Europa (Strasburgo). Nel 1994 è chiamato dal Direttore dell'UNESCO, Federico Major, a far parte del Comitato Internazionale di Bioetica (CIB) dell'UNESCO (1994-1998). Dal 1999 al 2001 è Presidente dell'Ospedale pediatrico ''Bambino Gesù''. Dal 2002 al 2007 è Direttore dell'Istituto Scientifico Internazionale ''Paolo VI'' di ricerca sulla fertilità ed infertilità umana per una procreazione responsabile - Centro di Regolazione Naturale della Fertilità presso l’Università Cattolica di Roma.
 
Il Cnb con una nota ufficiale ricorda il ruolo e l’importanza che Bompiani ha rivestito da sempre all’interno dell’Istituzione. “ “Il Comitato Nazionale per la Bioetica ricorda, con riconoscenza il Prof. Adriano Bompiani. A lui si deve la costituzione del Comitato nell’anno 1990. Il suo contributo intellettuale e impegno quotidiano, in veste di Presidente e Presidente Onorario, è stato essenziale per lo svolgimento dei lavori del Comitato”.
 
“La sua presenza nell'ambito del Comitato Direttivo di Bioetica al Consiglio d'Europa ha consentito la rilevanza internazionale del Comitato. La sua attenzione, entusiasmo e disponibilità sono stati e saranno sempre l'anima dei lavori del Comitato, un modello per tutti coloro che hanno avuto l'onore di lavorare con lui e condividere la sua amicizia”.

19 giugno 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy