Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 11 AGOSTO 2022
Cronache
segui quotidianosanita.it

Caso Avastin. Soi: "Federanziani non ha alcuna competenza scientifica per giudicare"


La Società oftalmogica italiana torna sulle dure polemiche degli ultimi giorni. "Siamo la massima espressione della scienza oftalmica nel nostro Paese e respingiamo ogni pretestuosa accusa di Federanziani, la quale dovrebbe rendersi conto che l'argomento è troppo importante per essere trattato con la superficialità e l’incompetenza dimostrata".

22 OTT - Con le sue azioni Federanziani tenta di mettere i pazienti contro i medici oculisti per affermarsi in un ruolo che non è suo. E’ la dura presa di posizione espressa da Matteo Piovella, presidente della Società oftalmogica italiana.

“Ciò accade – sottolinea - perché un'associazione con nessuna competenza medica scientifica e metodologica pretende di accertare quanto invece serissime associazioni scientifiche internazionali hanno fatto con studi e ricerche i cui dati sono stati oggetto di pubblicazioni e approfondite metanalisi! Questa Federazione tenta ora di assurgere ad arbitro scientifico nella annosa vicenda Avastin - Lucentis, senza avere la minima competenza”.

Secondo la ricostruzione effettuata da Piovella, la Soi ha dato il suo contributo alla realizzazione del questionario citato da Federanziani ma è stata esclusa da tutta la fase successiva e più critica: la preparazione degli operatori del call-center, la realizzazione delle interviste e la valutazione dei risultati.

“Era stato previsto un supporto al call center da parte di medici oculisti individuati dalla Soi che non è mai stato realizzato- tuona Piovella - L’obiettivo di avere medici oculisti in supporto agli operatori del call center era quello di interpretare correttamente le informazioni fornite dai pazienti. A ulteriore garanzia di una corretta interpretazione delle informazioni la Soi aveva preteso che i soggetti che dichiaravano di aver avuto eventi avversi dovevano essere invitati a rivolgersi al medico curante o al farmacista per la loro precisa segnalazione”.

La Soi vuole quindi chiarire alcuni aspetti: nessuna di queste procedure condivise è stata mai attivata; i dati sugli eventi avversi diffusi da Federanziani al solo scopo di farsi notare si sono basati esclusivamente sulle interpretazioni date dagli operatori del call-center alle informazioni fornite dai pazienti e hanno prodotto un notevole e infondato allarme nella popolazione; l'intervista era svolta in modo capzioso, proponendo assistenza legale a chi avesse deciso di citare in giudizio il medico e discostandosi così dal protocollo di intervista condiviso.

Piovella, a questo punto, domanda: “Dov’è stata Federanziani in tutti questi anni di battaglie della Soi a favore dei pazienti?”. E, infine, sottolinea. “Siamo la massima espressione della scienza oftalmica nel nostro Paese e respingiamo ogni pretestuosa accusa di Federanziani, la quale dovrebbe rendersi conto che l'argomento è troppo importante, riguardando la vista degli anziani, per essere trattato con la superficialità e l’incompetenza dimostrata”.
 

22 ottobre 2014
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy