Quotidiano on line
di informazione sanitaria
11 DICEMBRE 2016
Cronache
segui quotidianosanita.it

Seviziavano anziani e disabili. Arrestati 18 operatori sanitari in una casa di riposo a Borgo d’Ale 

Ieri pomeriggio gli agenti della Squadra mobile di Vercelli hanno messo fine alle sofferenze delle persone ricoverate nel presidio socio sanitario, arrestando 18 tra medici, infermieri e operatori sanitari che lavoravano nella struttura. Sono accusati, a vario titolo, dei reati di maltrattamenti, abbandono di persone incapaci e sequestro di persona

20 FEB - Calci, pugni e violenze di ogni genere solo per "farli stare buoni". Era questo il "metodo" utilizzato da buona parte del personale della struttura residenza per anziani e disabili "La Consolata" di Borgo d'Ale, in provincia di Vercelli.
Ieri pomeriggio gli agenti della Squadra mobile vercellese hanno messo fine alle sofferenze delle persone ricoverate nel presidio socio sanitario, arrestando 18 tra medici, infermieri e operatori sanitari che lavoravano nella struttura. Sono accusati, a vario titolo, dei reati di maltrattamenti, abbandono di persone incapaci e sequestro di persona.
 
I poliziotti hanno fatto irruzione nella casa di riposo dove in quel momento c'erano otto degli indagati, mentre gli altri dieci sono stati fermati nelle proprie abitazioni.
Undici di loro sono finiti in carcere e gli altri ai domiciliari. Un'altra persona è invece indagata in stato di libertà.
 
L'indagine è stata denominata "Resident evil" (dal nome di un film dell'orrore) proprio per la particolare brutalità, crudeltà e mancanza di umanità con cui venivano trattate quotidianamente le persone ricoverate nella casa di riposo.

L'attività investigativa della Mobile è iniziata dopo la denuncia presentata nell'agosto scorso dal papà di una paziente trovata con diversi segni sul corpo che potevano essere riconducibili a maltrattamenti.
 
Gli agenti hanno piazzato telecamere nascoste nella struttura e analizzando le immagini (vedi video a fondo pagina) si sono resi conto di ciò che accadeva in quella che era diventata una vera e propria casa degli orrori.
 
Le vittime accertate sono al momento dodici che hanno subito più di 300 episodi di violenze gratuite; molte di loro erano pazienti disabili che quando davano particolarmente "fastidio" subivano il trattamento che li faceva stare buoni. E quando i familiari chiedevano spiegazioni in merito alle lesioni riscontrate sul corpo dei propri cari, il personale dell'istituto si giustificava attribuendo le ferite a infortuni causati dalle loro precarie condizioni fisiche e mentali.
 
 
Fonte: Polizia di Stato

20 febbraio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy