Quotidiano on line
di informazione sanitaria
05 DICEMBRE 2021
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Anteprima. Alla Stato Regioni il decreto per l'avvio dei concorsi per i precari del Ssn. Lorenzin: “Primo passo molto importante”


Inviato oggi dal ministro Lorenzin dopo il vaglio del Mef e della Funzione pubblica. Il decreto, una volta acquisita l’intesa con le Regioni, permetterà l’avvio di procedure concorsuali riservate al personale precario degli enti del Ssn. Allo studio ulteriori interventi anche normativi, nell’ambito del riordino degli enti vigilati e nel settore della ricerca. LA RELAZIONE E IL TESTO.

22 DIC - Il Ministro Lorenzin ha trasmesso, in data odierna, alla Conferenza Stato Regioni lo schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, con cui si dà attuazione a quanto disposto dall’articolo 4, comma 10, del decreto legge 31 agosto 2013 n. 101 “Disposizioni urgenti per il perseguimento di obiettivi di razionalizzazione nelle pubbliche amministrazioni” convertito, con modificazioni, dalla legge 30 ottobre 2013 n. 125. 
 
Il provvedimento, elaborato all’esito di un complesso iter che ha previsto l’interlocuzione con i Ministeri dell’economia e delle finanze e della semplificazione e pubblica amministrazione, una volta acquisita l’intesa della Conferenza, permetterà l’avvio di procedure concorsuali riservate al personale precario degli enti del Servizio sanitario nazionale.
 
Per il ministero della Salute, “si tratta del primo fondamentale passo per ridurre il precariato nel settore sanitario, ove il blocco del turn-over ha negli ultimi anni imposto il ricorso a forme di lavoro flessibile al fine di garantire l’erogazione dei Livelli essenziali di assistenza”.

 
Grande la soddisfazione del Ministro della Salute, Lorenzin: “E’ un primo passo molto importante, già concordato con le Regioni nell’ambito del Patto della Salute, per ricominciare a dare stabilità e sicurezza a chi opera negli ospedali italiani con fatica e sacrificio. Nei prossimi giorni sarò impegnata a studiare ulteriori interventi anche normativi, nell’ambito del riordino degli enti vigilati e nel settore della ricerca. Ridurre nelle aziende ospedaliere altre sacche di precariato deve essere un nostro obiettivo”.
 
In sostanza la bozza di Dpcm, come si legge nella relazione, si propone di disciplinare:
 procedure di reclutamento speciale transitorie (2013-2016), destinate al personale in possesso di contratto di lavoro a tempo determinato in misura non superiore al 50 per cento delle risorse finanziarie disponibili per assunzioni a tempo indeterminato;

 procedure di reclutamento speciale per LSU e LPU;

 la proroga dei contratti di lavoro a tempo determinato;

 possibilità di partecipare alle procedure in questione per il personale dedicato alla ricerca in sanità e per il personale medico in servizio presso il pronto soccorso delle aziende sanitarie locali, con almeno 5 anni di prestazione continuativa, ancorché non in possesso della specializzazione. 

22 dicembre 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy