Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 27 SETTEMBRE 2016
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Parti cesarei. Se ne fanno troppi. Balduzzi invia i Nas in tutta Italia per verifiche su abusi

Il ministro della Salute ha disposto azioni di controllo dei Carabinieri a livello nazionale per accertare il ricorso improprio al parto cesareo nelle strutture del Ssn pubbliche e private. La decisione dopo segnalazione dell'Agenas. "Divari intollerabili tra Regioni: 23% in Friuli, 62% in Campania". Ecco i dati.

10 FEB - Il ministro della Salute, Renato Balduzzi, ha disposto che i Carabinieri dei Nas attivino azioni di controllo a livello nazionale per accertare l'utilizzazione non appropriata del ricorso al parto cesareo nei reparti di ostetricia delle strutture sanitarie di ricovero e cura pubbliche e private accreditate con il Servizio sanitario nazionale.
 
I Carabinieri - si legge in una nota - svolgeranno azioni di controllo a campione, acquisendo fotocopia della cartella clinica e della documentazione ecografica della paziente, autenticata dalla Direzione sanitaria e i file che contengono le copie elettroniche delle cartelle.
La decisione è stata presa sulla base di una segnalazione dell'Agenas (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali) che in alcune Regioni indica valori di ricorso al parto cesareo estremamente elevati che fanno sorgere l'ipotesi di una utilizzazione opportunistica dello stesso non basata su reali condizioni cliniche.
 
Nella presentazione delle nuove linee guida sul taglio cesareo, per la redazione delle quali era stato incaricato l'Istituto superiore di sanità, il ministro della Salute rileva che "nel nostro Paese, il ricorso al taglio cesareo ha raggiunto livelli estremamente elevati e, nonostante il problema sia da diversi anni al centro del dibattito politico-sanitario, non si è ancora registrata alcuna significativa inversione di tendenza".

 
Anche la Relazione della Commissione parlamentare d'inchiesta sugli errori in campo sanitario, presieduta da Leoluca Orlando, alla cui presentazione alla Camera dei Deputati, aveva preso parte anche il ministro della Salute, ha denunciato il ricorso elevato al parto cesareo. In quella occasione il ministro Balduzzi aveva rilevato come "assolutamente intollerabile il divario sul territorio per il ricorso ai cesarei. Si passa dal 23% del Friuli al 62% della Campania. E senza che un maggiore ricorso al cesareo porti a un miglioramento degli esiti clinici".
 
Il fenomeno - conclude la nota - assume in alcuni casi dimensioni estreme. L'intervento dei Nas servirà a valutare possibili ipotesi di comportamenti opportunistici dolosi.
 

10 febbraio 2012
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy