Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 30 SETTEMBRE 2020
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Cosmed: “Finanziamenti per sanità ridicoli. Nessuna ripresa è possibile se non si investe sul Ssn”


La Confederazione bolla il decreto Cura Italia come “deludente e incompleto” ed evidenzia come il prossimo decreto di Aprile “rappresenti l’ultima occasione per affrontare seriamente l’emergenza sanitaria”.

17 APR - “Dopo il sedicente decreto “Cura Italia”, deludente e incompleto, il prossimo provvedimento rappresenta l’ultima occasione per affrontare seriamente l’emergenza sanitaria”. È quanto afferma la Cosmed in una nota.
 
“Il Servizio Sanitario Nazionale – rileva la Cosmed - era già al collasso prima della crisi del Coronavirus dopo un decennio di tagli dissennati, mancavano almeno 8 miliardi per riportare il finanziamento del SSN al 7% del PIL cioè sullo standard medio europeo ante contagio. Era uno dei migliori del mondo, ma dopo essere stato sotto finanziato e spezzettato certamente non lo è più da tempo. Ieri la Francia ha stanziato ulteriori 8 miliardi di euro per il servizio sanitario e 1,3 miliardi di euro per incentivi al personale medico, sanitario, sociale e dei servizi pubblici. Da questo punto di vista il rifinanziamento del SSN previsto dal “Cura Italia” pari a 1,41 miliardi è semplicemente ridicolo, una rassegnata resa all’ulteriore declino del Paese nei suoi diritti fondamentali.”
 
“Ben vengano – sottolinea la Confederazione -  vincoli comunitari che obblighino all’investimento in sanità, bene primario per tutti e condizione necessaria per la ripresa economica. Non si tratta di coniugare salute ed economia, semplicemente la salute viene prima e se non si provvede al suo sostegno i danni, anche economici, saranno ben maggiori. I provvedimenti da varare non sono una legge di bilancio con una tragica polverizzazione delle risorse, una demagogica distribuzione a pioggia di micro benefici peraltro effimeri e non sempre riservati ai realmente bisognosi. È ormai chiaro che l’emergenza non sarà breve e che richiede urgenti investimenti per la prevenzione e la gestione della pandemia”.

 
“Inoltre – continua la Cosmed -  l’emergenza da Covid-19 ha prodotto il differimento delle cure per tutte le altre patologie, di grande impatto sociale ed epidemiologico, allungando inevitabilmente le già intollerabili liste d’attesa, si sta accumulando una mole enorme di lavoro da svolgere nei prossimi mesi e anni pena una catastrofale mancanza di cure. Non può bastare l’assunzione di una manciata di precari mal pagati, occorre anche ripristinare la dotazione medico e sanitaria specialistica allargando subito il numero dei posti nelle scuole di specializzazione e riducendo la durata dei corsi al livello minimo previsto dalla normativa europea. Tutta la macchina pubblica deve ripartire stroncando speculazioni ed opportunismi, anche sull’appalto delle mascherine, a quanto pare, la corruzione si è presentata puntuale”.
 
“La mancanza di dispositivi adeguati per operatori e cittadini - rimarca la Cosmed - è incredibile e sempre più colpevole con il passaggio dei giorni. Il corpo sanitario è stato lasciato solo a mani nude senza protezioni. Si sconta la mancanza di una vera dirigenza pubblica, autonoma dalla politica, sostituita con una pletora di ottimati che danno vita ad uno spezzatino di carrozzoni mal coordinati”.
 
“Quanto al personale – precisa la nota - definito eroico non può essere ulteriormente umiliato. Ai caduti e a quanti subiranno danni permanenti va riconosciuto lo status di vittime del dovere al pari di quanto previsto per il comparto sicurezza. Il finanziamento di 10 milioni di euro quando i caduti sono già duecento è un risarcimento semplicemente vergognoso e discriminatorio. Il carico di lavoro straordinario ed extra ordinario andrà interamente retribuito senza limitazioni che non remunerano nemmeno quello che già è stato fatto. Tutte le figure che hanno fronteggiato l’emergenza vanno incentivate. Va ricordato che i contratti di questi lavoratori al servizio del Paese sono scaduti da più di 16 mesi nei casi più fortunati (la dirigenza PTA del SSN e i dipendenti degli enti locali attendono da dieci anni) occorre rimuovere gli ostacoli che lo stesso legislatore ha posto alla contrattazione (come l’ art.1 comma 687 legge 145/18 da abrogare)”.
 
“Nessuna premialità – conclude - è prevista per chi sta in prima linea e dovrà restarci a lungo, non viene garantito nemmeno il minimo indispensabile. Inevitabile il passaggio dalla resistenza allo scoraggiamento. Il Paese deve ripartire dai diritti e dai servizi pubblici essenziali. Cambiare velocemente registro e priorità, capire che il futuro è adesso, altrimenti non andrà tutto bene”.

17 aprile 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy