Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 23 SETTEMBRE 2021
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Riforma 118. Vergallo (Aaroi Emac): “Il documento Fnomceo disegna contorni aberranti”

di Alessandro Vergallo

La Federazione continua imperterrita come sempre a farsi portavoce unicamente degli obiettivi della Medicina di Famiglia, in totale spregio dei Medici Ospedalieri, stavolta in un settore – quello della Emergenza-Urgenza PreOspedaliera – che proprio nelle Regioni in cui è appannaggio esclusivo della Medicina di Famiglia ne dimostra la deriva simil continuità-assistenziale (guardia medica), con la quale nulla ci azzecca.

10 SET - Nell’audizione della FNOMCeO svoltasi ieri 9 Settembre presso il Senato della Repubblica – Commissione Igiene e Sanità – sulla Riforma del SET118, di cui circola un Documento di sintesi, la Federazione, nella persona del suo Presidente Anelli, continua imperterrita come sempre a farsi portavoce unicamente degli obiettivi della Medicina di Famiglia, in totale spregio dei Medici Ospedalieri, stavolta in un settore – quello della Emergenza-Urgenza PreOspedaliera – che proprio nelle Regioni in cui è appannaggio esclusivo della Medicina di Famiglia ne dimostra la deriva simil continuità-assistenziale (guardia medica), con la quale nulla ci azzecca.
 
In pratica per FNOMCeO, per il SET118, di cui con tale Documento la Federazione disegna contorni aberranti, andando addirittura oltre il già pessimo DL 1715 a firma On. Castellone:
- un medico di medicina generale equivarrebbe a un MEU (Medico Specialista in Medicina d’Urgenza) non solo nelle postazioni mobili medicalizzate, ma addirittura nelle Centrali Operative;

- tutte le discipline equipollenti alla MEU continuerebbero ad essere sdoganate per tale servizio;
- nessun riconoscimento di qualità verrebbe dato ai mezzi di soccorso con solo Infermiere a bordo;
- dal “Nuovo SET118 secondo Anelli” sarebbero estromessi completamente gli Specialisti Ospedalieri che lo crearono a suo tempo nelle Regioni più avanzate, vale a dire gli Anestesisti Rianimatori.
 
Non solo: per Anelli, il rapporto di lavoro dipendente dei medici ospedalieri diverrebbe “incompatibile” proprio con il SET118 che sogna FNOMCeO, il tutto con l’incredibile paradosso di replicare in tale Documento un assunto di cui l’AAROI-EMAC ha la paternità assoluta: "Per la FNOMCeO si ritiene inoltre indispensabile affermare che il mezzo di soccorso avanzato è l’ospedale portato nel territorio...".
 
Magari! Se così fosse davvero, plaudiremmo ad un nuovo SET118 – finalmente su scala nazionale – che porti “a casa del Paziente” competenze mediche avanzate, che evidentemente possono essere tipicamente il più possibile ospedaliere; e invece la “vision” FNOMCeO si dimostra esattamente contraria, volendo ridurre l’Emergenza-Urgenza PreOspedaliera, Centrali Operative comprese, a feudo della medicina territoriale; del resto, dall’impiego nel SET118, proprio nella Regione Puglia laddove il Presidente FNOMCeO Anelli è anche Presidente dell’Ordine Provinciale di Bari, restano completamente esclusi sia gli Anestesisti Rianimatori, sia i Medici d’Urgenza Ospedalieri.
 
Questo è il risultato sconcertante di volersi porre (perché la Politica glielo consente) come interlocutori “di riferimento” in argomenti nel merito dei quali – oltretutto – ci chiediamo quali siano l’esperienza e la competenza specifica.
 
Vada avanti pure per la sua strada il Presidente Anelli. Noi continuiamo a ricordargli (e lo ricordiamo anche alla Politica) che il ruolo di Presidente FNOMCeO non può coincidere con quello di portavoce degli interessi della Medicina di base, né con quello di rappresentanza sindacale di qualsivoglia settore professionale medico.
 
Alessandro Vergallo
Presidente Nazionale AAROI-EMAC


10 settembre 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy